Apartheid in Sudafrica e Israele: il ruolo del boicotaggio PDF Print E-mail
There are no translations available.

alt

INCONTRO CON SALIM VALLY
16 GENNAIO 2018 AULA A3 CLE ore 17,30

Progetto Palestina - in collaborazione con BDS Italia e DCPS - vi invita al seminario che Salim Vally terrà il 16 gennaio 2018 in aula A3 al Campus Luigi Einaudi a partire dalle 17,30.
Salim Vally è Direttore del "Centre for Education Rights and Transformation" dell'Università di Johannesburg. Veterano del movimento, Vally ha in più occasioni ricordato quanto il boicottaggio in Sudafrica abbia radicalmente alterato la politica interna dell'università, eliminando l'opzione della "neutralità" e aprendosi al dibattito sui temi della disuguaglianza, repressione e rimedio.

Come uno dei suoi colleghi bianchi rifletté, "le associazioni accademiche (alcune più di altre) esaminarono la natura e le condizioni della ricerca nelle loro discipline e i sindacati dei docenti entrarono a far parte delle lotte più ampie per la giustizia, piuttosto che degli organismi che tutelavano interessi professionali ristretti. Le università divennero luoghi di intenso dibattito e, anzi, gli intellettuali vennero criticamente coinvolti nei dibattiti sulla natura delle società sudafricane attuali e futuri. Sulla scia del boicottaggio non c'era una decurtazione di libertà accademica, ma una fioritura di pensiero intellettuale che era ricco, vario ed eccitante". Per continuare a leggere l'articolo: https://bdsitalia.org/index.php/la-campagna-bds/ultime-notizie-bds/1053-madiba