Banner
Cronaca degli anni di brace* - Mission, Lampedusa e Messina (LETTERA APERTA SU EMERGENZA IMMIGRAZIONE E ATENEO DI MESSINA - firma l'appello dei colleghi!) PDF Stampa E-mail

alt

Simona Taliani, 12 gennaio 2014 
Associazione Frantz Fanon.

Forse qualcuno troverà l'intreccio di riflessioni che stiamo per proporre fuori luogo, fuori contesto. Uno scandalo. Non ci possiamo fare nulla.

Lo scandalo sta infatti fuori, nel mondo, nella scissione a cui la quotidianità che viviamo ci obbliga, scavando in questo mondo libero punto ciechi, veri e propri passaggi di non-ritorno. Perché da certe 'scene' non si può tornare integri.
La verità è che la nostra società, nella sua essenza, produce follia, disordine, sofferenza. In eccedenza e per tutti. L'alienazione ne è il prodotto più evidente. Serve uno sforzo di vigilanza smisurato per non cedere alla tentazione di lasciarsi andare. Di lasciar tutto andare.
Solo un pazzo potrebbe risvegliarci dal torpore. Un nuovo Milhoud (controfigura profetica del regista algerino Mohammed Lakhdar-Hamina in Chronique des années de braise, 1975), col suo urlo: "Sveglia, città, sveglia".

Abbiamo visto a Lampedusa, subito primo di Natale, snodarsi inquietanti catene di montaggio umane: lugubri 'corridoi umanitari' (non certo quelli che Giusy Nicolini auspicava e richiedeva a gran voce subito dopo il primo maledetto naufragio del 3 ottobre).
Si muovevano allora (e non possiamo escludere ancora oggi, forse non lì ma altrove) passivi e rassegnati i corpi da spogliare e disinfettare, da vaccinare e sterilizzare contro malattie che non è detto che i naufraghi avessero prima di arrivare, ma che certamente rischiano di prendere nei luoghi di vita che si offrono loro (campi di 'concentramento', nel senso letterale del termine: massa umana ammassata). Accanto, in punti precisi della catena, i sorveglianti: inservienti burocrati che meccanicamente compilano cartelle, inseriscono crocette, buttano via panni sporchi, infilano guanti. Meccanicamente come se fosse la procedura più naturale del mondo. Non un tentennamento, non un'incertezza, non una smorfia di dolore.

Da quale incubo ci risvegliamo? Quale tormenta onirica stiamo attraversando, senza riuscire per intero a coglierne le conseguenze, storditi e attoniti? E' successo veramente?
Noi non ne abbiamo mai dubitato. E per questo lo abbiamo denunciato prima che l'immagine diventasse prova evidente.

Grandi imprese dell'umanitario, assunti i connotati e i nomi seducenti tipici delle 'cooperative sociali' (Com'era? ... Lampedusa Solidarietà), hanno inneggiato alla solidarietà, per ricavare il massimo del guadagno. Succede ovunque.
La nostra storia è anche questa.

La storia del Centro Frantz Fanon, un anno fa, ha avuto a che fare con questo dispositivo istituzionale, di legittimizzazione delle competenze sulla carta di realtà associative di carta: nate negli uffici, dentro stanze chiuse, asfittiche e asfissianti (ma tracotanti tanta è la certezza di 'già vincere' la gara, l'appalto, il lotto).
Ora - come nella migliore tradizione - si vuole attribuire responsabilità a questo o quell'operatore, e i dirigenti vogliono per loro un salvacondotto (non sapevano, si affrettano a dire; cambieranno operatori; cambieremo cooperativa ...).

Ma torniamo al mese di dicembre 2013.
Non erano ancora scemate le critiche (alcune del tutto condivisibili) e le difese a oltranza (contro ogni decenza) sulla trasmissione televisiva Mission che quest'altra scena ha avuto il sopravvento. Eccolo, lo scandalo che proponiamo. Perché parlare qui ed ora ancora di Mission, mentre stiamo evocando nel silenzio generale le catene di 'disinfestazione umana' di Lampedusa?

Perché sono queste altre scene - Lampedusa, con la sua catena di montaggio umanitaria; Messina, con la complicità di istituzioni pubbliche deputate alla trasmissione del sapere e alla costituzione di cittadini (si legga la lettera che qui alleghiamo dei colleghi messinesi) - a rivelarci per intero qual è l'essenza dell'accoglienza umanitaria oggi. Perché ora è evidente, a tutti, quanto Mission sia stata una vera e propria messa in scena di personaggi chiamati a recitare un copione diverso da quello consueto, e i cui esiti grotteschi sono sotto gli occhi di tutti.

Inutile parlare troppo. Le parole vanno risparmiate, usate con misura. Ciò che non ci siamo mai risparmiati di fare è assumerci la responsabilità delle nostre.

Chi lavora o fa ricerca in questi campi abietti che sono i campi d'accoglienza lo sapeva. Era ciò che qualcuno timidamente mormorava nei corridoi. Era ciò che qualcuno urlava, rimettendoci il posto di lavoro. Qualcuno resisteva come poteva. La moltitudine accettava in sordina il suo misero compenso (non che la paga da educatore o da psicologo sia infatti mai stata lauta). Perché sempre - vale la pensa ricordarlo - queste gare d'appalto vengono date al miglior offerente sotto il profilo della proposta economica (si taglia dunque e ampiamente su professionalità e 'vigilanza': intese qui, chiaramente, come il restar vigili contro la tentazione di alienazione che contraddistingue questi contesti).

Chi riuscirà a restare vigile e ad uscire da questa lunga notte attento e implacabile nella sua analisi, pronto a ricordare che in questi campi la tentazione di alienarsi e alienare è a portata di mano, pronta per l'uso, ben ingranata nei meccanismi e accettata di buon grado dai burocrati decisori ... sarà imprescindibile (come amava dire Bertolt Brecht e ripetere Silvio Rodriguez) .
Ci si dovrebbe auspicare l'esistenza di un terzo settore "scomodo": recalcitrante, resistente e sempre vigile. Perché, come sosteneva Michel Foucault, c'è più verità nel discorso dell'ultimo dei pazzi che non in quello del primo degli psichiatri. Di questo ne siamo certi.


* Waqā᾽i῾ sanawāt al-ǧamr (Cronaca degli anni di brace), pellicola epica del regista algerino Mohammed Lakhdar-Hamina con cui vinse la Palma d'oro al Festival di Cannes del 1975 (la prima assegnata a un film e a un cineasta del continente africano).

** Hay hombres que luchan un día y son buenos. Hay otros que luchan un año y son mejores. Hay quienes luchan muchos años y son muy buenos. Pero hay los que luchan toda la vida: esos son los imprescindibles.
Bertolt Brecht (Sueño con serpientes, Silvio Rodriguez).


 

FIRMA ANCHE TU L'APPELLO DEI NOSTRI COLLEGHI DI MESSINA! 

 

 

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Cultural safety & cultural camouflage

    Cultural safety & cultural camouflage

    Seminariocon Jaswant GUZDERModera Roberto BENEDUCE 20 NOVEMBRE 201717 .00-19.30 - Aula 3D440CAMPUSLUIGI EINAUDILungo Dora Siena 100/aTORINO L'inquadramento culturale (cultura/ formulation) fornisce un'utile struttura per l'assessment clinico nel lavoro con i rifugiati e gli immigrati, durante la formulazione delle possibili cornici d'intervento terapeutico. L'ibridazione e la creolizzazione a livello dell'identità e delle…

    Read more...

  • Trauma e diritti umani: strategie per l’ascolto e la cura delle vittime di violenza

    Trauma e diritti umani: strategie per l’ascolto e la cura delle vittime di violenza

    Convegno13 e 14 novembre 2017Orario: 13:30presso il Campus Luigi EinaudiLungo Dora Siena 100/A, a Torino L'Associazione Gruppo Abele con il CPS dell'Università degli Studi di Torino (Dipartimento di Culture, Politica e Società) e il Cretam dell'Università degli Studi di Torino (Centro Ricerche in Etnopsichiatria e Antropologia delle Migrazioni) promuovono Trauma…

    Read more...

  • Accueil et accompagnement de migrants en Europe

    Accueil et accompagnement de migrants en Europe

    Seminario16 ottobre – 20 ottobreDal 16 ottobre alle 9:00 al 20 ottobre alle 16:00Ifrass, 2 bis rue Emile Pelletier, 31100 Tolosa En ces temps dits de « crise des migrants », « crise des réfugiés »... nous nous proposons, pour la prochaine semaine modulaire « Travail social en Europe et à l'International…

    Read more...

  • Israele, i palestinesi e la pacificazione globale

    Israele, i palestinesi e la pacificazione globale

     Jeff Halper presenta il suo libroLunedì 16 ottobre 2017Campus Luigi EinaudiCorso Lungo Dora Siena 100 AAula Magna17h00-20h00Discutono insieme all'autore Rosita Di Peri (Università di Torino), Stefano Saluzzo (Università di Torino), Simona Taliani (Università di Torino)Traduce dall'inglese Giovanna Garrone Come può Israele sostenere mezzo secolo di occupazione sui palestinesi? Questa è la…

    Read more...

  • Le attività dell’Associazione Fanon sono sostenute dai fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

    Le attività dell’Associazione Fanon sono sostenute dai fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

    Grazie ai fondi Otto per mille della Chiesa Valdese, l'Associazione Fanon ha potuto realizzare il progetto "PAS DE DEUX. Strategie di supporto psicosociale tra scuola e famiglia".Il progetto, attualmente nella sua fase conclusiva, ha voluto favorire l'incontro degli studenti stranieri e delle loro famiglie con l'istituzione scolastica attraverso interventi di…

    Read more...

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    Articolo pubblicato su Internazionale, n.1221 del 08.09.2017 da pag. 40 a 50di Ben Taub, The New Yorker, Stati UnitiLicense: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License La tratta delle ragazze nigeriane in Italia attirate con false promesse, le ragazze di Benin City, in Nigeria, affrontano un pericoloso viaggio attraverso il deserto e il mare per finire…

    Read more...

  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...

  • Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    L'occasione mancata di Igiaba ScegoLe donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce Partiamo arbitrariamente da un punto preciso della storia degli Stati Uniti d'America: è di circa due secoli l'intervallo che mi interessa ripercorrere rapidamente e che intercorre tra due artiste afroamericane…

    Read more...

  • Quanto ci riguarda "la feccia"?

    Quanto ci riguarda

    Note etnopsichiatriche sulla cultura e sui suoi sembiantidi Simona Taliani Abbiamo atteso qualche giorno, subito dopo Parigi, nel tentativo di pensare a quanto ciò che era accaduto ci riguardasse da vicino. Gli eventi ci hanno incalzato. In Nigeria, in Iraq e ora di nuovo in Mali, nella tranquilla Bamako, e…

    Read more...

  • Due parole su uno sgombero in una città possibile

    Due parole su uno sgombero in una città possibile

    La caserma La Marmora, in Via Asti, è ricordata dagli anziani come un luogo di violenze e urla: quelle dei partigiani torturati dalla Guardia Nazionale Repubblicana, istituita da Mussolini nel '43.In quella caserma sono passati negli scorsi anni i rifugiati del Corno d'Africa, sgomberati dall'ex clinica San Paolo nel 2009…

    Read more...