Banner
Appello per il Centro Frantz Fanon PDF Stampa E-mail

alt

altaltaltalt

 

Amici, compagni, colleghi

il Centro Frantz Fanon è stato aperto nella primavera del 1996 all'interno del Servizio sanitario nazionale italiano. Dal 2002 operava in modo stabile in collaborazione con il Dipartimento di Salute mentale e offriva consulenze e percorsi di cura gratuiti agli immigrati e alle loro famiglie, affetti da vulnerabilità psicologica e disagio psichico, e a rischio di una deriva sociale spesso implacabile. Avevamo quattro stanze in cui poter accogliere i pazienti. Il 15 gennaio 2013, l'Azienda sanitaria pubblica presso cui operavamo ha deciso - per scelte che denunciano interferenze politiche di stampo leghista - di chiudere l'esperienza. Sebbene l'Azienda abbia dato in appalto il Servizio ad una nuova cooperativa, nessuno dei 250 pazienti che avevamo in carico è stato seguito dai nuovi colleghi (c'è da chiedersi cosa facciano, chi seguano e come intervengano nella situazioni di disagio e deriva). Dovevamo continuare a seguire i pazienti, senza più un luogo dove poterli accogliere. Per questo, senza indugio, abbiamo affittato una nuova sede, nel Centro di Torino, (quasi) davanti al Comune, ben visibili e vivi!

Abbiamo deciso di affrontare delle spese per noi insostenibili. Per ora, siamo riusciti a ristrutturare i locali e a pagare regolarmente l'affitto.

Aver difeso in questi diciassette anni di impegno clinico il diritto alla salute mentale per questi cittadini-non-cittadini è sembrato ad una certa classe dirigente sconveniente, politicamente scomodo: aver sottolineato che la sofferenza psichica non è riconducibile per intero a difficoltà personali (non partecipando alla logica diagnostica imperante volta a de-politicizzare il disagio: disturbi dell'adattamento, disturbi post traumatici da stress, psicosi acute...) ma che essa insorge ai margini di una "situazione migratoria" caratterizzata da leggi inique, politiche discriminatorie, economie della violenza (dentro e fuori le stesse comunità di immigrati) è risultato semplicemente inaccettabile.
I Funzionari che hanno bloccato i finanziamenti per il Centro Fanon si sono premurati di farci sapere che siamo stati troppo dalla parte di immigrati e dei rifugiati, e troppo poco al fianco delle Istituzioni.

Non per niente abbiamo scelto di seguire l'insegnamento clinico di Frantz Fanon

Queste sono le ragioni per cui lanciamo un appello di sostegno alle nostre attività, sperando che possiate a vostra volta diffonderlo.

Grazie!

Scarica appello in pdf

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Articolo scritto da Ana Vidal Egea, El País - 23 gennaio 2018License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Centinaia di bambini appartenenti a famiglie di rifugiati sono vittime di una strana sindrome finora registrata solo in Svezia. Gli scienziati non hanno risposte certe per spiegare quella che è stata battezzata come Sindrome da Rassegnazione.…

    Read more...

  • Verso un mondo di esclusi

    Verso un mondo di esclusi

    Notre musique (Godard, 2004) Intervento-rielaborazione di Enrico Bartolomei della sua introduzione per il volume "Esclusi. La globalizzazione neoliberista del colonialismo di insediamento" (Derive Approdi, 2017).License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Esclusi (DeriveApprodi 2017) raccoglie una serie di saggi sul colonialismo di insediamento, una forma particolare di colonialismo in cui la popolazione indigena…

    Read more...

  • Africa, il futuro di un continente

    Africa, il futuro di un continente

    foto D.Reviati Articolo; intervista a Felwine Sarr, pubblicato sul sito "Lo Straniero" l'08/12/2016 | Dicembre 2016/ Febbraio 2017 n. 198/199/200 License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License (incontro con Livia Apa) Il 31 ottobre si sono conclusi, a Saint-Louis in Senegal, gli Ateliers de la pensée, un'iniziativa fortemente voluta e organizzata da Achille Mbembe…

    Read more...

  • La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    Articolo pubblicato su Internazionale, n.1221 del 08.09.2017 da pag. 40 a 50di Ben Taub, The New Yorker, Stati UnitiLicense: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License La tratta delle ragazze nigeriane in Italia attirate con false promesse, le ragazze di Benin City, in Nigeria, affrontano un pericoloso viaggio attraverso il deserto e il mare per finire…

    Read more...

  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...