Banner
Mads Gilbert, un dottore che continua il suo lavoro a Gaza PDF Stampa E-mail

alt

Carissimi amici,
La scorsa notte è stata terribile. La "grande invasione" di Gaza ha avuto il risultato di veicoli carichi di mutilati, di persone fatte a pezzi, sanguinanti, morenti – di palestinesi feriti, di tutte le età, tutti civili, tutti innocenti.

Gli eroi nelle ambulanze di tutti gli ospedali di Gaza lavorano a turni di 12-24ore, grigi dalla fatica e dai carichi di lavoro disumani (tutti senza salario all'ospedale Shifa negli ultimi 4 mesi), si prendono cura delle priorità, tentano di capire il caos incomprensibile dei corpi, degli arti, delle persone umane che camminano, che non camminano, che respirano, che non respirano, che sanguinano, che non sanguinano. UMANI!
Ora, ancora una volta, trattati come animali "dall'esercito più morale del mondo" (sic!).
Il mio rispetto per i feriti è illimitato, per la loro determinazione contenuta in mezzo al dolore, all'agonia e allo shock; la mia ammirazione per lo staff e per i volontari è illimitata, la mia vicinanza al "sumud" palestinese mi da forza, anche se ogni tanto desidero solo urlare, tenere qualcuno stretto, piangere, sentire l'odore della pelle e dei capelli del bambino caldo, coperto di sangue, proteggere noi stessi in un abbraccio senza fine – ma noi non possiamo permettercelo, né lo possono loro.
Facce grige e cinereee - Oh NO! Non un altro carico di decine di mutilati e di sanguinanti, noi abbiamo ancora laghi di sangue sul pavimento nel reparto di emergenzaq (ER), pile di bende gocciolanti, che grondano sangue da pulire - oh – gli addetti alle pulizie, ovunque, allontanano velocemente il sangue e i tessuti scartati, capellli, vestiti, cannule – i resti della morte – tutto portato via... per essere preparato di nuovo, per essere tutto ripetuto di nuovo. Più di 100 casi sono arrivati a Shifa nelle ultime 24 ore. Troppi per un grande ospedale ben attrezzato con ogni cosa, ma qui – quasi nulla: elettricità, acqua, dispositivi, medicine, OR-tables, strumenti, monitors – tutti arruginiti come se fossero stati presi da un museo degli ospedali del passato. Ma questi eroi non si lamentano. Tirano avanti in questa situazione, come guerrieri, testa in su, enormemente risoluti.
E mentre vi scrivo queste parole, da solo, in un letto, sono pieno di lacrime, le lacrime calde ma inutili di dolore e di angoscia, di collera e di paura. Questo non deve accadere!
E poi, proprio ora, l'orchestra della macchina da guerra israeliana inizia di nuovo la sua orrenda sinfonia, proprio ora: salve di artiglieria dalle navi contro le spiagge, i ruggenti F16, i droni ripugnanti (in arabo 'Zennanis', quelli che ronzano), e gli Apaches. Tutto fatto e pagato dagli USA.
Signor Obama – ha un cuore?
La invito – passi una sola notte – solo una notte – con noi a Shifa. Travestito come un addettoo alle pulizie.
Sono convinto, al 100%, che la storia cambierebbe.
Nessuno con un cuore E con il potere potrebbe mai andare via, passata una notte a Shifa, senza essere deciso a porre fine alla carneficina del popolo palestinese.
I fiumi di sangue continueranno a scorrere la notte prossima. Ho sentito che hanno accordato i loro strumenti di morte.
Per favore. Fate quello che potete. Questo, QUESTO non può continuare.
Mads
Gaza, Occupied Palestine
Mads Gilbert MD PhD
Professor and Clinical Head
Clinic of Emergency Medicine
University Hospital of North Norway
N-9038 Tromsø, Norway
Mobile: +4790878740

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Imagining Refugia: thinking outside of the refugee regime

    Imagining Refugia: thinking outside of the refugee regime

    1 Febbbraio 2018 ore 14,30 aula 3D233 CLEIMAGINING REFUGIA seminario con N. Van Hear (Oxford University) Il seminario "Imagining Refugia: thinking outside of the refugee regime" sarà tenuto dal Nicholas Van Hear che rifletterà sulle possibili alternative al corrente "refugee regime": quel regime cioè fondato sul sistema internazionale "statale" che…

    Read more...

  • Fra scuola e famiglia: I TERRITORI DELL 'INCLUSIONE. Metodologie di intervento e strategie di definizione identitaria

    Fra scuola e famiglia:  I TERRITORI DELL 'INCLUSIONE. Metodologie di intervento e strategie di definizione identitaria

    SEMINARIO CONCLUSIVO DEL PROGETTO "PAS DE DEUX. STRATEGIE DI INTERVENTO FRA SCUOLE E FAMIGLIA" (TAVOLA VALDESE Ono PER MILLE, ANNUALITÀ 2017)31 GENNAIO 2018 - 9.00/13.00 - AULA 6 - PALAZZINA EINAUDIc.so Regina Margherita, 60 - TORINO L'Associazione Frantz Fanon, in collaborazione con il Centro di Etnopsichiatria e di Antropologia delle…

    Read more...

  • Clara Gallini: il metodo e i campi di ricerca

    Clara Gallini: il metodo e i campi di ricerca

    Convegno23 gennaio 2018Università degli Studi di Roma La Sapienza, Dipartimento CORIS, via Salaria113, aula Oriana A un anno dalla sua scomparsa, l'Associazione Internazionale E. de Martino organizza a Roma un convegno per ricordare la figura, la ricerca, il pensiero di Clara Gallini, una delle maggiori antropologhe italiane. Speriamo possiate partecipare…

    Read more...

  • ONTOLOGICAL PLURALISM AND CULTURAL DIVERSITY

    ONTOLOGICAL PLURALISM AND CULTURAL DIVERSITY

    LECTIO INAUGURALISnel Corso di Laurea in Antropologia ed Etnologiatenuta dal Prof. Philippe Descolaintroduce il Prof. Roberto Beneduce 17 gennaio 2018Campus Luigi Einaudi Aula Magna16:30-19:00 Philippe Descola, già professore all'École des Hautes Etudes en Sciences Sociales e dal 2000 titolare della cattedra di Anthropologie de la Nature presso il Collège de…

    Read more...

  • Apartheid in Sudafrica e Israele: il ruolo del boicotaggio

    Apartheid in Sudafrica e Israele: il ruolo del boicotaggio

    INCONTRO CON SALIM VALLY16 GENNAIO 2018 AULA A3 CLE ore 17,30 Progetto Palestina - in collaborazione con BDS Italia e DCPS - vi invita al seminario che Salim Vally terrà il 16 gennaio 2018 in aula A3 al Campus Luigi Einaudi a partire dalle 17,30.Salim Vally è Direttore del "Centre…

    Read more...

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Articolo scritto da Ana Vidal Egea, El País - 23 gennaio 2018License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Centinaia di bambini appartenenti a famiglie di rifugiati sono vittime di una strana sindrome finora registrata solo in Svezia. Gli scienziati non hanno risposte certe per spiegare quella che è stata battezzata come Sindrome da Rassegnazione.…

    Read more...

  • Verso un mondo di esclusi

    Verso un mondo di esclusi

    Notre musique (Godard, 2004) Intervento-rielaborazione di Enrico Bartolomei della sua introduzione per il volume "Esclusi. La globalizzazione neoliberista del colonialismo di insediamento" (Derive Approdi, 2017).License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Esclusi (DeriveApprodi 2017) raccoglie una serie di saggi sul colonialismo di insediamento, una forma particolare di colonialismo in cui la popolazione indigena…

    Read more...

  • Africa, il futuro di un continente

    Africa, il futuro di un continente

    foto D.Reviati Articolo; intervista a Felwine Sarr, pubblicato sul sito "Lo Straniero" l'08/12/2016 | Dicembre 2016/ Febbraio 2017 n. 198/199/200 License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License (incontro con Livia Apa) Il 31 ottobre si sono conclusi, a Saint-Louis in Senegal, gli Ateliers de la pensée, un'iniziativa fortemente voluta e organizzata da Achille Mbembe…

    Read more...

  • La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    Articolo pubblicato su Internazionale, n.1221 del 08.09.2017 da pag. 40 a 50di Ben Taub, The New Yorker, Stati UnitiLicense: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License La tratta delle ragazze nigeriane in Italia attirate con false promesse, le ragazze di Benin City, in Nigeria, affrontano un pericoloso viaggio attraverso il deserto e il mare per finire…

    Read more...

  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...