Banner
A Luigi PDF Stampa E-mail

alt

Luigi Tavolaccini, psichiatra da tutti conosciuto per il suo lungo impegno nei servizi per la salute mentale di Torino, è scomparso improvvisamente ieri. Dal momento in cui era andato in pensione aveva voluto tradurre lo storico appoggio dato sin dall'inizio alle attività del Centro Frantz Fanon in impegno diretto. Era diventato un operatore dell'équipe clinica, e un membro dell'Associazione.
La lunga complicità teorica e l'amicizia di sempre si erano fatte così ancora più fitte, più dense di quando, sin dal 1990, avevo potuto conoscerlo come primario del Centro di Salute Mentale a Collegno.
Luigi è sempre stato generoso, curioso, leale. Ricordo i libri che di tanto in tanto mi regalava, a nutrire quegli interessi che in me ben conosceva, e l'ironia affettuosa con la quale ha sempre accompagnato le mie avventure intellettuali, ma anche la sensibilità per i più fragili. Questo i suoi pazienti lo sapevano bene.
L'apertura teorica e l'interesse verso nuove prospettive del lavoro clinico costituiscono un segno distintivo della sua lunga carriera professionale, e contraddistinguono il suo impegno: a differenza di molti, Luigi non ha mai smesso di ascoltare i più deboli, ha saputo riconoscere fra i colleghi i più motivati, e ha sempre avuto nei confronti del potere un atteggiamento distante e insieme disincantato. La sua onestà professionale e teorica rimane un segno raro in un panorama spesso lacerato da dissidi, interessi effimeri, ipocrisie.
Se Luigi aveva partecipato con un impegno diretto negli ultimi anni al progetto etnopsichiatrico del Centro Fanon è d'altronde per una ragione precisa, che qui deve essere ricordata. Negli anni'70, in un panorama sociale e intellettuale di grandi trasformazioni, i piani ministeriali per la psichiatria avevano aperto nuovi fronti di riflessione e di sperimentazione, e diverse esperienze andavano prefigurando il mutamento radicale della legge Basaglia. Alcuni operatori avevano preso direzioni non sempre conciliabili, ma nell'insieme molti, differenze a parte, partecipavano all'impegno di non considerare più il sapere psichiatrico come ovvio o al riparo da critiche sui suoi fondamenti e le sue contraddizioni.
Luigi aveva voluto percorrere un sentiero particolare, e certo minoritario: al Sud, aveva realizzato con altri due autori una ricerca su condizioni sociali, cultura e salute mentale, una riflessione pionieristica che si inscriveva nel medesimo solco delle riflessioni condotte da Michele Risso ed Ernesto de Martino, autori ai quali Luigi faceva spesso riferimento. Naturale, dunque, che la sensibilità per questi temi lo conducesse a partecipare con interesse a un progetto diretto proprio a ripensare, in chiave critica, i rapporti fra culture, contesti sociali, istituzioni della cura e malattia mentale. A questo motivo si aggiunge la lunga pratica istituzionale, che aveva visto in Luigi un accanito protagonista della psichiatria ancorata al territorio, ai progetti di reintegrazione sociale dei pazienti, ai loro bisogni abitativi in particolare: l'idea cioè che senza uno spazio dignitoso, un territorio sentito come proprio e come tale difeso, lo stesso abitare il mondo e il linguaggio sarebbe stato difficile o impossibile per molti dei nostri pazienti. Da qui il suo impegno nel movimento delle comunità psichiatriche, e ancor più la promozione di un dispositivo diffuso di accoglienza dei pazienti psichiatrici all'interno di appartamenti disseminati nel territorio urbano: progetto che rimane uno dei suoi più preziosi contributi alla psichiatra torinese. Ragioni tutte che, per un altro verso, stanno a ricordare come il sociale e il culturale non possono mai essere disgiunti all'interno di un pensiero critico e rigoroso su ciò che è la cura della malattia mentale.
Spesso le persone sono ricordate per le cose che scrivono o fanno. Chi ha l'opportunità di conoscerle da vicino, ha spesso il privilegio di conoscerle anche nei loro gesti quotidiani, nelle loro scelte, nelle loro inquietudini, e di poterle ricordare nella loro piena umanità.
Ricordiamo Luigi con profondo affetto e infinita gratitudine per il supporto coraggioso e leale che non ha mai cessato di dare alla nostra avventura e alla nostra personale ricerca.

Roberto Beneduce e gli amici del Centro Frantz Fanon

Cordoglio del Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino

Cordoglio del Sindaco di Torino Pieri Fassino

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Cultural safety & cultural camouflage

    Cultural safety & cultural camouflage

    Seminariocon Jaswant GUZDERModera Roberto BENEDUCE 20 NOVEMBRE 201717 .00-19.30 - Aula 3D440CAMPUSLUIGI EINAUDILungo Dora Siena 100/aTORINO L'inquadramento culturale (cultura/ formulation) fornisce un'utile struttura per l'assessment clinico nel lavoro con i rifugiati e gli immigrati, durante la formulazione delle possibili cornici d'intervento terapeutico. L'ibridazione e la creolizzazione a livello dell'identità e delle…

    Read more...

  • Trauma e diritti umani: strategie per l’ascolto e la cura delle vittime di violenza

    Trauma e diritti umani: strategie per l’ascolto e la cura delle vittime di violenza

    Convegno13 e 14 novembre 2017Orario: 13:30presso il Campus Luigi EinaudiLungo Dora Siena 100/A, a Torino L'Associazione Gruppo Abele con il CPS dell'Università degli Studi di Torino (Dipartimento di Culture, Politica e Società) e il Cretam dell'Università degli Studi di Torino (Centro Ricerche in Etnopsichiatria e Antropologia delle Migrazioni) promuovono Trauma…

    Read more...

  • Accueil et accompagnement de migrants en Europe

    Accueil et accompagnement de migrants en Europe

    Seminario16 ottobre – 20 ottobreDal 16 ottobre alle 9:00 al 20 ottobre alle 16:00Ifrass, 2 bis rue Emile Pelletier, 31100 Tolosa En ces temps dits de « crise des migrants », « crise des réfugiés »... nous nous proposons, pour la prochaine semaine modulaire « Travail social en Europe et à l'International…

    Read more...

  • Israele, i palestinesi e la pacificazione globale

    Israele, i palestinesi e la pacificazione globale

     Jeff Halper presenta il suo libroLunedì 16 ottobre 2017Campus Luigi EinaudiCorso Lungo Dora Siena 100 AAula Magna17h00-20h00Discutono insieme all'autore Rosita Di Peri (Università di Torino), Stefano Saluzzo (Università di Torino), Simona Taliani (Università di Torino)Traduce dall'inglese Giovanna Garrone Come può Israele sostenere mezzo secolo di occupazione sui palestinesi? Questa è la…

    Read more...

  • Le attività dell’Associazione Fanon sono sostenute dai fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

    Le attività dell’Associazione Fanon sono sostenute dai fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

    Grazie ai fondi Otto per mille della Chiesa Valdese, l'Associazione Fanon ha potuto realizzare il progetto "PAS DE DEUX. Strategie di supporto psicosociale tra scuola e famiglia".Il progetto, attualmente nella sua fase conclusiva, ha voluto favorire l'incontro degli studenti stranieri e delle loro famiglie con l'istituzione scolastica attraverso interventi di…

    Read more...

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    Articolo pubblicato su Internazionale, n.1221 del 08.09.2017 da pag. 40 a 50di Ben Taub, The New Yorker, Stati UnitiLicense: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License La tratta delle ragazze nigeriane in Italia attirate con false promesse, le ragazze di Benin City, in Nigeria, affrontano un pericoloso viaggio attraverso il deserto e il mare per finire…

    Read more...

  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...

  • Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    L'occasione mancata di Igiaba ScegoLe donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce Partiamo arbitrariamente da un punto preciso della storia degli Stati Uniti d'America: è di circa due secoli l'intervallo che mi interessa ripercorrere rapidamente e che intercorre tra due artiste afroamericane…

    Read more...

  • Quanto ci riguarda "la feccia"?

    Quanto ci riguarda

    Note etnopsichiatriche sulla cultura e sui suoi sembiantidi Simona Taliani Abbiamo atteso qualche giorno, subito dopo Parigi, nel tentativo di pensare a quanto ciò che era accaduto ci riguardasse da vicino. Gli eventi ci hanno incalzato. In Nigeria, in Iraq e ora di nuovo in Mali, nella tranquilla Bamako, e…

    Read more...

  • Due parole su uno sgombero in una città possibile

    Due parole su uno sgombero in una città possibile

    La caserma La Marmora, in Via Asti, è ricordata dagli anziani come un luogo di violenze e urla: quelle dei partigiani torturati dalla Guardia Nazionale Repubblicana, istituita da Mussolini nel '43.In quella caserma sono passati negli scorsi anni i rifugiati del Corno d'Africa, sgomberati dall'ex clinica San Paolo nel 2009…

    Read more...