Banner
Buone Feste dall'Associazione Frantz Fanon PDF Stampa E-mail

alt

Cari amici,
in questo periodo dove l'Umanitario (con tutti i suoi brands ben in vista) si affanna nelle campagne di raccolta fondi, offrendo colorati gadgets dietro 'vetrine' e 'profili' allestiti a festa, restiamo ostinati nell'andare in direzione contraria e controvento, non ignari dei rischi e dei sempre possibili naufragi.
Ma siamo ancora qui. Il Centro Frantz Fanon è aperto e lo sarà per tutto il 2015.
A voi, dunque, che tanto ci avete sostenuto in questi anni - partecipando alla vita attiva di un luogo prezioso da troppi punti di vista - tre piccoli doni con l'augurio che l'anno che verrà sia più sereno di quello che è passato.
Per tutti coloro che vivono una condizione di quotidiana e permanente incertezza e paura, il nostro pensiero più intenso e la nostra lotta più serrata.


 

22 dicembre 2014

alt

Oggi, lunedì 22 dicembre, vogliamo ricordare la storia di Raymond Gurême, dello Porrajmos e della violenza che si abbatte ancora oggi contro Rom e Sinti in Europa.

Interdit aux Nomades di Raymond Gurême è stato tradotto in italiano nel 2012, con il titolo (non troppo fedele all'originale) Il piccolo acrobata.
Jean Baptiste Pellerin ha realizzato il film Ils ont eu la graisse, ils n'auront pas la peau. Clicca qui

Altri links di approfondimento:
http://www.humanite.fr/raymond-gureme-les-mots-seront-toujours-plus-forts-que-les-coups-555111

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Birkenau-Porrajmos-lo-sterminio-Rom-e-Sinti-Una-parola-da-imparare-Come-Shoah-e-Metz-Yeghern-28b4bf12-9620-4805-b2e2-0bb6ce114cd7.html

http://romareact.org/news/view/2086

http://blogs.mediapart.fr/blog/dzfestival/210813/raymond-gureme-lhomme-revolte


 23 dicembre 2014

alt

Un bellissimo film del 2014 che vi invitiamo caldamente di vedere!
PELO MALO, di Mariana Rondon
Dedicato a tutti coloro che sono alla ricerca di una identità senza pregiudizi né 'determinismi'... e alle loro madri (inquiete, feroci e a tratti voraci).

Video: 1, 2, 3,...


 

25 dicembre 2014 

alt

Concerning Violence. Nine scenese from the Anti-Imperialistic Self-Defense (2014), di Göran Hugo Olsson

"L'explosion n'aura pas lieu aujourd'hui. Il est trop tôt... ou trop tard". Così esordiva il primo libro di un giovane Fanon, Peau noire, masques blancs. "Sulla violenza" è invece il titolo del primo capitolo del libro pubblicato nove anni dopo, nel 1961 (I dannati della terra), scritto nell'inferno coloniale e imbevuto del fragore delle lotte per l'indipendenza: quell'indipendenza che l'Algeria avrebbe conquistato al prezzo di un milione di morti e ferite mai del tutto cicatrizzate l'anno dopo.
Il film Concerning Violence. Nine scenese from the Anti-Imperialistic Self-Defense, diretto da Göran Hugo Olsson e narrato da Lauryn Hill, trae ispirazione dal testo di Fanon, dalla sua implacabile diagnosi sulla "nuda verità del colonialismo". Le parole dello psichiatra martinicano scandiscono la successione dei materiali d'archivio (l'attacco ad una base portoghese in Angola; uno sciopero di minatori in Liberia; l'operazione chirurgica nella giungla della Guinea Bissau di un guerrigliero ferito; l'intervista a un bianco nell'allora Rhodesia – l'attuale Zimbabwe, e a un giovane Mugabe, l'attuale presidente e dittatore...).
Scene di violenza, di morte e di lotta che sembrano già profezie di altre violenze, di altre morti. La storia della decolonizzazione (e della nazione postcoloniale) sarà scritta con l'unico inchiostro possibile: il sangue. Ma hanno sbagliato coloro che - da Sartre a Arendt - hanno visto nel testo fanoniano solo un inno alla violenza legittima dei colonizzati. Rivolto ad esplorare il nodo del dominio e dell'alienazione, Fanon aveva colto tutta la tragedia degli oppressi quando essi sono indotti all'uso della violenza come alla sola strategia possibile contro il silenzio, l'ipocrisia e la violenza assoluta dei colonizzatori. Lo ha detto Alice Cherki, psicanalista che aveva lavorato con Fanon in Algeria, lo ripete oggi nell'intervento che precede il film Gayatri Chakravorty Spivak, personaggio centrale del dibattito postcoloniale. E che questa violenza necessaria sia anche tragica lo dimostra oggi la sua riproduzione cieca, quando alla fredda tecnologia di morte dei droni si oppone quella barbara e ripugnante delle teste sgozzate.
Se la "decolonizzazione è disordine assoluto" (Fanon), quel disordine è lungi dall'essere cessato. Il film, straordinario nella costruzione delle sequenze, non è però solo un invito a riflettere sul senso della violenza dei colonizzati, o l'inspiegabile pazienza che con la quale essi sembrano tollerare l'intollerabile prima dell'esplosione, ma anche una domanda sul presente, i suoi incubi, sull'ostinata presenza della colonia nel mondo di oggi (in Palestina, ad esempio), e di una differenza che rende diverso persino il peso dei morti. (Roberto Beneduce)

Vedi trailer: 1, 2

Pagina Facebook

 

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Cultural safety & cultural camouflage

    Cultural safety & cultural camouflage

    Seminariocon Jaswant GUZDERModera Roberto BENEDUCE 20 NOVEMBRE 201717 .00-19.30 - Aula 3D440CAMPUSLUIGI EINAUDILungo Dora Siena 100/aTORINO L'inquadramento culturale (cultura/ formulation) fornisce un'utile struttura per l'assessment clinico nel lavoro con i rifugiati e gli immigrati, durante la formulazione delle possibili cornici d'intervento terapeutico. L'ibridazione e la creolizzazione a livello dell'identità e delle…

    Read more...

  • Trauma e diritti umani: strategie per l’ascolto e la cura delle vittime di violenza

    Trauma e diritti umani: strategie per l’ascolto e la cura delle vittime di violenza

    Convegno13 e 14 novembre 2017Orario: 13:30presso il Campus Luigi EinaudiLungo Dora Siena 100/A, a Torino L'Associazione Gruppo Abele con il CPS dell'Università degli Studi di Torino (Dipartimento di Culture, Politica e Società) e il Cretam dell'Università degli Studi di Torino (Centro Ricerche in Etnopsichiatria e Antropologia delle Migrazioni) promuovono Trauma…

    Read more...

  • Accueil et accompagnement de migrants en Europe

    Accueil et accompagnement de migrants en Europe

    Seminario16 ottobre – 20 ottobreDal 16 ottobre alle 9:00 al 20 ottobre alle 16:00Ifrass, 2 bis rue Emile Pelletier, 31100 Tolosa En ces temps dits de « crise des migrants », « crise des réfugiés »... nous nous proposons, pour la prochaine semaine modulaire « Travail social en Europe et à l'International…

    Read more...

  • Israele, i palestinesi e la pacificazione globale

    Israele, i palestinesi e la pacificazione globale

     Jeff Halper presenta il suo libroLunedì 16 ottobre 2017Campus Luigi EinaudiCorso Lungo Dora Siena 100 AAula Magna17h00-20h00Discutono insieme all'autore Rosita Di Peri (Università di Torino), Stefano Saluzzo (Università di Torino), Simona Taliani (Università di Torino)Traduce dall'inglese Giovanna Garrone Come può Israele sostenere mezzo secolo di occupazione sui palestinesi? Questa è la…

    Read more...

  • Le attività dell’Associazione Fanon sono sostenute dai fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

    Le attività dell’Associazione Fanon sono sostenute dai fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

    Grazie ai fondi Otto per mille della Chiesa Valdese, l'Associazione Fanon ha potuto realizzare il progetto "PAS DE DEUX. Strategie di supporto psicosociale tra scuola e famiglia".Il progetto, attualmente nella sua fase conclusiva, ha voluto favorire l'incontro degli studenti stranieri e delle loro famiglie con l'istituzione scolastica attraverso interventi di…

    Read more...

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    Articolo pubblicato su Internazionale, n.1221 del 08.09.2017 da pag. 40 a 50di Ben Taub, The New Yorker, Stati UnitiLicense: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License La tratta delle ragazze nigeriane in Italia attirate con false promesse, le ragazze di Benin City, in Nigeria, affrontano un pericoloso viaggio attraverso il deserto e il mare per finire…

    Read more...

  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...

  • Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    L'occasione mancata di Igiaba ScegoLe donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce Partiamo arbitrariamente da un punto preciso della storia degli Stati Uniti d'America: è di circa due secoli l'intervallo che mi interessa ripercorrere rapidamente e che intercorre tra due artiste afroamericane…

    Read more...

  • Quanto ci riguarda "la feccia"?

    Quanto ci riguarda

    Note etnopsichiatriche sulla cultura e sui suoi sembiantidi Simona Taliani Abbiamo atteso qualche giorno, subito dopo Parigi, nel tentativo di pensare a quanto ciò che era accaduto ci riguardasse da vicino. Gli eventi ci hanno incalzato. In Nigeria, in Iraq e ora di nuovo in Mali, nella tranquilla Bamako, e…

    Read more...

  • Due parole su uno sgombero in una città possibile

    Due parole su uno sgombero in una città possibile

    La caserma La Marmora, in Via Asti, è ricordata dagli anziani come un luogo di violenze e urla: quelle dei partigiani torturati dalla Guardia Nazionale Repubblicana, istituita da Mussolini nel '43.In quella caserma sono passati negli scorsi anni i rifugiati del Corno d'Africa, sgomberati dall'ex clinica San Paolo nel 2009…

    Read more...