Banner
Ripensare la salute, la cura e i legami familiari PDF Stampa E-mail

alt

(Le immagini utilizzate sono state realizzate e concesse dall'artista BR1)

 

Convegno Internazionale
Il Rovescio delle Migrazione
Ripensare la salute, la cura e i legami familiari
17-18-19 Giugno 2015
Aula Magna, Campus Luigi Einaudi, Lungo Dora Siena 100 A, Torino

 

INTRODUZIONE

"Parlare significa assumere una cultura, sopportare il peso di una civiltà", scriveva Frantz Fanon nel 1952, in Peau noire masques blancs. "Parlare, significa esistere assolutamente per l'altro".
Sono numerose le piste di riflessione suggerite da un Fanon di appena ventisette anni, che già preannunciava le riflessioni sui "futuri ipotecati" dei dannati della terra, di coloro che avevano conosciuto l'alienazione della colonia. Fanon analizza tensioni e sfide che riconosciamo caratteristiche anche della situazione migratoria, intesa come la peculiare condizione di chi è costretto a misurarsi, ad uno stesso tempo, con la situazione "culturale" e quella "coloniale". "Esistenze avvelenate" le avrebbe definite, anni dopo, Abdelmalek Sayad.
La situazione migratoria è un oggetto di studio che non può essere lasciato nelle mani del primo arrivato" insisteva a dire Pierre Bourdieu.
Spesso è stato proprio nell'analisi del linguaggio che i ricercatori hanno trovato un territorio denso di problemi. È, infatti, l'atto di prendere la parola – per nominare e non essere sempre e soltanto nominati – che introduce l'immigrato dentro quelle sequenze di rovesciamento che il titolo del convegno vuole evocare. Gli spazi, dove questi rovesciamenti saranno indagati, sono i luoghi di vita, di lavoro e di cura: del benessere, inteso nel più ampio senso del termine, e di quel desiderio di "normalità" che investe numerose famiglie immigrate, alle prese con incessanti trasformazioni e, talvolta, veri e propri capovolgimenti.
La stampa e i mass media ci hanno abituato a chiamare beurs i figli degli immigrati delle banlieue di Parigi, luoghi ai margini della metropoli trasformatisi in teatri di violente sommosse.
Ora, "tutti sanno – sosteneva qualche anno fa Sybille de Pury Toumi – che la parola beur è nata nelle periferie da un lavoro di inversione delle due consonanti che formano nella lingua araba la parola arab". Il rovesciamento di due consonanti sarebbe dunque all'origine di un atto di (auto)nominazione complesso e per nulla lineare, contrassegnato dal passaggio tra una forma di alienazione sociale ed un tentativo di autonomia attraverso il quale i giovani immigrati delle banlieue si chiamano tra loro e si lasciano chiamare dagli altri.
'Ricordano' a tutti in quali (e Introduzione quanti) modi si possa giocare con i rispecchiamenti identitari, attraverso processi di identificazione e dis-identificazione continui. 'Ricordano', o forse meglio sarebbe dire che è la lingua, con i suoi neologismi, che li obbliga (e ci obbliga) a ricordare la peculiare genealogia di questo rovesciamento.
Per Sayad, la parola beur rimanderebbe piuttosto ad una deformazione o 'francesizzazione' della parola araba boukh. Boukh nel "mercato linguistico" arabo è un'espressione familiare, usata negli spazi domestici, soprattutto dalle donne, per indicare "qualcosa senza importanza". L'essere "meno di niente". I giovani maghrebini riprenderebbero dunque un termine sentito nei discorsi delle loro madri, sorelle, cugine, mogli, rovesciandone però il suo uso sociale e definendo così la loro "condizione (maschile) francese", quella che li fa essere (uomini) senza importanza, giovani che non valgono niente. Loïc Waquant e Bogumil Jewsievicki parleranno alla fine degli anni '90 dei "traumi delle affermazioni identitarie" e di quella peculiare condizione dannata che è data dalla "maledizione di non essere niente". "Si sa che la derisione" – concludeva Sayad nelle pagine di Les enfants illegittimes – "è l'arma dei deboli".
Gli adolescenti immigrati allora, piegando una parola il cui suono è familiare a loro uso e consumo, denuncerebbero ironicamente un certo tipo di condizione (di genere e di potere), a cui la migrazione li ha esposti. Come a voler indicare il sentimento di dipendenza, frustrazione, passività che li caratterizza, in un mondo che gira alla rovescia: un mondo che fa di un 'uomo' una 'donna'.
Un ultimo profilo infine di questi rovesciamenti non può essere tralasciato, perché quando la migrazione diventa "di popolamento", come sottolineava ancora Sayad, sono i bambini che portano più spesso alla luce i paradossi di questa condizione, riuscendo talvolta a dissolverne l'illusione fondamentale: la transitorietà dell'esperienza. Si frantuma, infatti, a poco a poco l'intimo e spesso ambivalente desiderio di ritornare a casa, latente in ogni genitore immigrato, e si erode la pretesa, tutta neoliberale, che la migrazione sia un fenomeno provvisorio e controllabile da parte dei paesi d'accoglienza (attraverso la regolamentazione dei flussi e le limitazioni logistiche, attraverso le grammatiche della statistica imposte ai ricongiungimenti familiari).
Tutto ciò ha un prezzo: questi "figli illegittimi" – che Sayad si ostina a non chiamare di "seconda generazione", adottando piuttosto l'espressione di "generazione alla seconda" – diventano, loro malgrado, il nervo scoperto della nostra epoca, delle nostre inquiete democrazie.
Sia quel che sia – che la condizione degli immigrati sia attraversata da rovesciamenti lessicali, piuttosto che semantici o sociali – non c'è una verità-guida da opporre all'altra, né una più buona per pensare. La sfida è piuttosto quella di tenere questi rovesciamenti insieme: uno accanto all'altro.

Etnopsichiatria critica
I rovesciamenti (semantici, interpretativi, esperienziali) che vogliamo analizzare in questo Convegno trovano nell'etnopsichiatria clinica della migrazione una disciplina elettiva perché capace di assumere quella responsabilità professionale e umana che "incombe su di noi" e che viene così ben evocata da Vittorio Lanternari nella sua intensa introduzione a Sortilegio e delirio, scritto dagli psichiatri Michele Risso e Wolfang Böker al cospetto di pazienti italiani immigrati nella Svizzera del Dopoguerra.
Si tratta della responsabilità, scrive Lanternari, "di saper gestire senza colpevole ignoranza, senza omissioni, miscomprensioni e infingarda trascuratezza, il compito di operare in modo equo per la sistemazione di immigrati dal Terzo Mondo o dall'Est. Oggi si tratta di rispondere in modi positivi alle esigenze vitali che toccano, oltre che l'ordine dei problemi pratici, socio-economici, politico-giuridici ecc., l'ordine dei problemi psicologici, di mutua conoscenza a livello culturale profondo".
Questo la nostra etnopsichiatria critica della migrazione intende realizzare, muovendo da opere come Sortilegio e delirio e La fine del mondo. Il dialogo con l'opera di Ernesto De Martino sarà essenziale: le nuove apocalissi e le nuove espressioni della crisi della presenza, l'angoscia della storia fra i subalterni e gli oppressi, le contemporanee forme della destorificazione rituale suggeriscono altrettanti itinerari di riflessione per interrogare il presente.
Ci confronteremo con un'etnopsichiatria italiana che ha saputo studiare i disturbi psicopatologici nel loro punto di insorgenza: le trasformazioni sociali e culturali nel cui vortice le generazioni della migrazione sono prese. L'etnopsichiatria praticata nelle società non occidentali, quanto quella dei fenomeni migratori in Europa o altrove, parla di queste angosce e di queste vertigini, oltre che delle ambivalenze che nutrono la domanda di cura nel corso di tali transizioni.
"Se l'oggetto teorico dell'etnopsichiatria è il modo di articolazione delle realtà psichiche e delle realtà culturali, questo oggetto non le è di fatto accessibile che nelle sue forme transizionali. Se ha un'autonomia d'esistenza in quanto disciplina, l'etnopsichiatria è allora proprio il campo di studio e di pratica delle trasformazioni psicoculturali", scriveva Andras Zempléni.
Non c'è forse definizione migliore per pensare oggi l'etnopsichiatria: una disciplina che ha per oggetto le situazioni di crisi, di cambiamento e di transizione psicoculturale, l'angoscia e le incertezze che spesso le accompagnano, la divisione culturale senza alcun dubbio comune a tutti (immigrati e non) più che la mera differenza culturale. (Roberto Beneduce e Simona Taliani)

 

PROGRAMMA CONVEGNO

17 giugno 2015 
Medicalizzazione e violenza epistemologica

14:00 - 14:30: Accoglienza
14:30 - 15:30
Saluti di benevenuto e presentazione del progetto europeo FEI
"Il rovescio della migrazione. Un'analisi comparativa su tutela e diritto alla
salute"
Franco Garelli (Direttore del Dip. CPS, Università di Torino)
llda Curti (Assessore alle Politiche Giovanili, alle Pari Opportunità, alle Politiche per l'Integrazione, Città di Torino)
Franca Roncarolo (Direttore della Scuola di Scienze Giuridiche, Politiche ed Economico-
Sociali, Dip. CPS, Università di Torino)
Roberto Beneduce (Coordinatore di progetto, Dip. CPS, Università di Torino)
15:30 - 17:30
Il sapere medico alla prova della Storia
Introduce e modera: Simona Taliani (Dip. CPS, Università di Torino)
Tullio Seppilli (Fondazione Celli e SIAM, Perugia)
Cristiana Bastos (ICS, Università di Lisbona)
Sylvie Fainzang (Inserm e Cermes, Parigi)
17:30 - 18:30: Discussione
18:30 - 19:45: Rinfresco

18 giugno 2015
Famiglie postcoloniali?
Aspettative di genitorialità e identità sospese

9:30 - 10:00: Accoglienza
10:00 - 12:00
Lavoro della parentela e lessico familiare postcoloniale
Introduce e modera: Pier Paolo Viazzo (Dip. CPS, Università di Torino)
Nancy Rose Hunt (Università del Michigan e IAS, Parigi)
Pierre Joseph Laurent (UCL e LAAP, Lovanio)
Carlotta Saletti Salza (Università di Torino)
12:00 - 13:00: Discussione
13:00 - 14:30: Rinfresco
14:30 - 16:00
Futuri ipotecati: memorie e avventure istituzionali delle famiglie immigrate
Introduce e modera: Sandro Triulzi (Archivio Memorie Migranti, Roma)
Diari di famiglie straniere
Dagmawi Yimer e Giulio Cederna (Archivio Memorie Migranti, Roma)
Dauters. La vita va avanti
Carlo Branchi (Dip. CPS, Università di Torino) e Vincenzo Urselli (Samo Sound, Roma)
Discutono con gli autori e i relatori Giulia Perin (ASGI, Padova) e Sveva Insabato
(avvocato, Torino)
16:00 - 16:30: Coffee-break
16:30 - 18:30: Tavola rotonda
La costruzione del bambino immigrato adottabile: rischi, sfide e buone pratiche
Introduce e modera: Stefano Scovazzo (Presidente del Tribunale per i Minorenni del Piemonte e della Valle d'Aosta)
Ennio Tomaselli (già giudice e procuratore minorile, socio AIMMF, Torino), Salvatore Fachile (ASGI, Roma), Anna Fusari (avvocato, Torino), Manuela Tartari (psicologa e antropologa, perito, Torino) e Roberto Bertolino (psicologo, giudice onorario, Associazione Frantz Fanon, Torino)
Discute con i relatori Eleonora Voli (Dip. CPS, Università di Torino)
18:30 - 19:30: Discussione

19 giugno 2015
Terre del rimorso
Alle origini dell'etnopsichiatria italiana

9:30 - 10:00: Accoglienza
10:00 - 11:30 Le crisi della presenza nelle società contemporanee
Introduce e modera: Roberto Beneduce (Dip. CPS, Università di Torino) Giordana Charuty (EPHES, Parigi) Peter Geschiere (Università di Amsterdam e Fasopo, Parigi)
11:30 - 12:30: Discussione
12:30 - 14:00: Rinfresco
14:00 - 15:00 La presa di parola dei subalterni
Introduce e modera: Irene Capelli (Dip. CPS, Università di Torino)
Appunti dalla mia tenda
Dagmawi Yimer (Archivio Memorie Migranti, Roma)
Discutono con l'autore Andrea Fenoglio (La terra che connette), Matteo Tortone (La terra che connette) e Manuela Cencetti (video-maker, attivista)
15:00 - 16:30 Nuove apocalissi. Migrazione, frontiere e campi
Introduce e modera: Amalia Signorelli (Università di Roma) Gino Satta (Università di Modena e Reggio Emilia, Associazione Internazionale Ernesto De Martino) Roberto Beneduce e Simona Taliani (Dip. CPS, Università di Torino)
16:30 - 17:00: Coffee-break
17:00 - 18:30: Discussione e conclusioni
Rompicapi e futuro
Clara Gallini (Associazione Internazionale Ernesto De Martino, Roma), Amalia Signorelli (Università di Roma) e Roberto Beneduce (Dip. CPS, Università di Torino)

 

SESSIONI PARALLELE

Mostre

Il mondo magico oggi (Nardò-Puglia)
Fotografie di Ciro Quaranta
Dauters. Lessici familiari (Torino)
Fotografie di Ciro Quaranta


Proiezioni

Campi di (alien)azione: Saluzzo
Regia di Dagmawi Ymer (Dip. CPS e Archivio Memorie Migranti, FEI 2013)
18-19 giugno, ore 12.00-15.00, aula B1


Pubblicazioni

AM. Antropologia medica
Il rovescio della migrazione
Presenta: Simona Taliani

aut aut
Ernesto De Martino. Un'etnopsichiatria della crisi e del riscatto
Presenta: Roberto Beneduce

 

 


Comitato Scientifico
Prof. Roberto Beneduce (Università di Torino)
Dott. Roberto Bertolino (Associazione Frantz Fanon)
Prof. Tullio Seppilli (Fondazione Celli e SIAM)
Prof. ssa Simona Taliani (Università di Torino)
Prof. Sandro Triulzi (Archivio Memorie Migranti)

Segreteria organizzativa
Dott. Carlo Branchi, Dip. CPS
Dott.ssa Irene Capelli, Dip. CPS
Dott.ssa Eleonora Voli, Dip. CPS

 

ISCRIZIONI E DEPLIANT

Si ricorda che la partecipazione al convegno è gratuita e che il numero dei partecipanti è limitato a 150 posti.
( 20/5/2015. A dieci giorni circa dall'apertura delle iscrizioni per il convegno "Il rovescio della migrazione", abbiamo già raggiunto le 180 adesioni.
Visto l' interesse per l'evento, LE ISCRIZIONI RESTANO APERTE fino all'esaurimento dei posti dell'aula magna del Campus Luigi Einaudi.
Non potendo garantire il rinfresco e i coffee-break (finanziati per 150 persone) alla totalità dei partecipanti, manderemo nelle prossime settimane una email agli iscritti che ne potranno usufruire, secondo i criteri della distanza geografica , della data di iscrizione e della permanenza al convegno.
Grazie a tutti per essere stati così pronti nel "rispondere". Siamo certi che l'incontro sarà una preziosa occasione per riflettere e condividere insieme le complessità e le contraddizioni di un lavoro che non cessiamo di interrogare, rinnovare, sottoporre a critica. Ostinatamente.)
Modalità di iscrizione: Clicca qui
Scarica il deplint in pdf

Benchmarking


 

16/06/2015
A pochi giorni dall'inizio del Convegno Internazionale Il rovescio della migrazione inviamo la locandina con il programma definitivo. L'evento si terrà al Campus Luigi Einaudi in corso Lungo Dora Siena 100A, nell'Aula Magna. Eventi paralleli saranno organizzati nel corso dei tre giorni: una bella mostra fotografica di Ciro Quaranta e la proiezione di alcuni materiali prodotti all'interno di altri progetti, il 18 giugno dalle ore 13.30 alle ore 14.30 e il 19 giugno dalle ore 13.00 alle ore 14.00 in aula B1. Per chi non potesse venire al Convegno, segnaliamo che gli eventi paralleli sono comunque aperti al pubblico. A presto!

 

 

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Cultural safety & cultural camouflage

    Cultural safety & cultural camouflage

    Seminariocon Jaswant GUZDERModera Roberto BENEDUCE 20 NOVEMBRE 201717 .00-19.30 - Aula 3D440CAMPUSLUIGI EINAUDILungo Dora Siena 100/aTORINO L'inquadramento culturale (cultura/ formulation) fornisce un'utile struttura per l'assessment clinico nel lavoro con i rifugiati e gli immigrati, durante la formulazione delle possibili cornici d'intervento terapeutico. L'ibridazione e la creolizzazione a livello dell'identità e delle…

    Read more...

  • Trauma e diritti umani: strategie per l’ascolto e la cura delle vittime di violenza

    Trauma e diritti umani: strategie per l’ascolto e la cura delle vittime di violenza

    Convegno13 e 14 novembre 2017Orario: 13:30presso il Campus Luigi EinaudiLungo Dora Siena 100/A, a Torino L'Associazione Gruppo Abele con il CPS dell'Università degli Studi di Torino (Dipartimento di Culture, Politica e Società) e il Cretam dell'Università degli Studi di Torino (Centro Ricerche in Etnopsichiatria e Antropologia delle Migrazioni) promuovono Trauma…

    Read more...

  • Accueil et accompagnement de migrants en Europe

    Accueil et accompagnement de migrants en Europe

    Seminario16 ottobre – 20 ottobreDal 16 ottobre alle 9:00 al 20 ottobre alle 16:00Ifrass, 2 bis rue Emile Pelletier, 31100 Tolosa En ces temps dits de « crise des migrants », « crise des réfugiés »... nous nous proposons, pour la prochaine semaine modulaire « Travail social en Europe et à l'International…

    Read more...

  • Israele, i palestinesi e la pacificazione globale

    Israele, i palestinesi e la pacificazione globale

     Jeff Halper presenta il suo libroLunedì 16 ottobre 2017Campus Luigi EinaudiCorso Lungo Dora Siena 100 AAula Magna17h00-20h00Discutono insieme all'autore Rosita Di Peri (Università di Torino), Stefano Saluzzo (Università di Torino), Simona Taliani (Università di Torino)Traduce dall'inglese Giovanna Garrone Come può Israele sostenere mezzo secolo di occupazione sui palestinesi? Questa è la…

    Read more...

  • Le attività dell’Associazione Fanon sono sostenute dai fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

    Le attività dell’Associazione Fanon sono sostenute dai fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

    Grazie ai fondi Otto per mille della Chiesa Valdese, l'Associazione Fanon ha potuto realizzare il progetto "PAS DE DEUX. Strategie di supporto psicosociale tra scuola e famiglia".Il progetto, attualmente nella sua fase conclusiva, ha voluto favorire l'incontro degli studenti stranieri e delle loro famiglie con l'istituzione scolastica attraverso interventi di…

    Read more...

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    Articolo pubblicato su Internazionale, n.1221 del 08.09.2017 da pag. 40 a 50di Ben Taub, The New Yorker, Stati UnitiLicense: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License La tratta delle ragazze nigeriane in Italia attirate con false promesse, le ragazze di Benin City, in Nigeria, affrontano un pericoloso viaggio attraverso il deserto e il mare per finire…

    Read more...

  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...

  • Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    L'occasione mancata di Igiaba ScegoLe donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce Partiamo arbitrariamente da un punto preciso della storia degli Stati Uniti d'America: è di circa due secoli l'intervallo che mi interessa ripercorrere rapidamente e che intercorre tra due artiste afroamericane…

    Read more...

  • Quanto ci riguarda "la feccia"?

    Quanto ci riguarda

    Note etnopsichiatriche sulla cultura e sui suoi sembiantidi Simona Taliani Abbiamo atteso qualche giorno, subito dopo Parigi, nel tentativo di pensare a quanto ciò che era accaduto ci riguardasse da vicino. Gli eventi ci hanno incalzato. In Nigeria, in Iraq e ora di nuovo in Mali, nella tranquilla Bamako, e…

    Read more...

  • Due parole su uno sgombero in una città possibile

    Due parole su uno sgombero in una città possibile

    La caserma La Marmora, in Via Asti, è ricordata dagli anziani come un luogo di violenze e urla: quelle dei partigiani torturati dalla Guardia Nazionale Repubblicana, istituita da Mussolini nel '43.In quella caserma sono passati negli scorsi anni i rifugiati del Corno d'Africa, sgomberati dall'ex clinica San Paolo nel 2009…

    Read more...