Banner
[anthroboycott] Nakba Day and the boycott PDF Stampa E-mail

alt

 

In occasione del "Nakba Day" (Yawm al-Nakba), che ogni anno ricorda, il 15 maggio, l'esodo della popolazione palestinese ("il giorno del disastro"), gli antropologi impegnati nel boicottaggio accademico delle istituzioni israeliane hanno chiesto ad alcuni antropologi palestinesi una riflessione sulla memoria di quella catastrofe. Si tratta di contributi preziosi per comprendere quell'evento, che si ripete non solo nella memoria ma in un presente assediato ancora dal dolore, dalla violenza e dall'ipocrisia. Ruba Salih ha insegnato a lungo in Italia ed è ben nota al pubblico italiano. (Roberto Beneduce)

Dear colleagues,

For the occasion of Nakba Day (May 15), we asked Amahl Bishara to curate a set of essays from Palestinian anthropologists on the importance of the academic boycott. The series was posted on our website over the past week.

Below, Amahl gives some context on the Nakba and provides an overview of the series, with links to the individual posts.

As we continue efforts to educate our colleagues -- especially in the American Anthropological Association -- please share this material and urge others to sign on to the boycott.

Sincerely,
Anthropologists for the Boycott of Israeli Academic Institutions

"Nakba Day is one of the most important dates on the Palestinian political calendar. Nakba means 'catastrophe' in Arabic, and it has become the term for Palestinian displacement and dispossession at the hands of Zionist militias and the Israeli army in 1948. Nakba Day allows us to commemorate Palestinians' historic dispossession as well as contemporary catastrophes that have stemmed from collective dispossession. So this year, a group of Palestinian anthropologists marked this occasion by offering personal reflections on what Nakba Day means to them and on the importance of the academic boycott in the struggle for Palestinian rights.

Writing about walking near her home village in the Galilee, Rhoda Kanaaneh reflects on how segregation and displacement impinges upon Palestinian life in Israel.

Randa Farah writes about the multiplicity of catastrophes that Palestinian refugees experience across generations. She argues that taking a stand against colonialism is a central anthropological responsibility, and that the movement for Boycott, Divestment, and Sanctions (BDS) against Israel is one way to do this.

Ruba Salih examines attempts to silence discussions around BDS and Palestinian rights in Western academia, and discusses how Israeli academic institutions are complicit with military occupation.

Dina Omar builds on this argument, and urges us to move beyond the discomfort and fear that may inhibit anthropologists' solidarity with Palestinians. After all, the stakes are so high for Palestinians, in their own institutions of higher learning and beyond.

Magid Shihade reflects on the active work of memory – both positive and negative – in the settler colony.

Finally, I write about the Palestinian practice of wearing t-shirts that commemorate the Nakba and express other basic truths for Palestinians under Israeli rule, and how these everyday practices are meaningful because Israeli violence is so pervasive.

Please read and share these brief pieces with your anthropological community so that we can continue to build our movement."

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Imagining Refugia: thinking outside of the refugee regime

    Imagining Refugia: thinking outside of the refugee regime

    1 Febbbraio 2018 ore 14,30 aula 3D233 CLEIMAGINING REFUGIA seminario con N. Van Hear (Oxford University) Il seminario "Imagining Refugia: thinking outside of the refugee regime" sarà tenuto dal Nicholas Van Hear che rifletterà sulle possibili alternative al corrente "refugee regime": quel regime cioè fondato sul sistema internazionale "statale" che…

    Read more...

  • Fra scuola e famiglia: I TERRITORI DELL 'INCLUSIONE. Metodologie di intervento e strategie di definizione identitaria

    Fra scuola e famiglia:  I TERRITORI DELL 'INCLUSIONE. Metodologie di intervento e strategie di definizione identitaria

    SEMINARIO CONCLUSIVO DEL PROGETTO "PAS DE DEUX. STRATEGIE DI INTERVENTO FRA SCUOLE E FAMIGLIA" (TAVOLA VALDESE Ono PER MILLE, ANNUALITÀ 2017)31 GENNAIO 2018 - 9.00/13.00 - AULA 6 - PALAZZINA EINAUDIc.so Regina Margherita, 60 - TORINO L'Associazione Frantz Fanon, in collaborazione con il Centro di Etnopsichiatria e di Antropologia delle…

    Read more...

  • Clara Gallini: il metodo e i campi di ricerca

    Clara Gallini: il metodo e i campi di ricerca

    Convegno23 gennaio 2018Università degli Studi di Roma La Sapienza, Dipartimento CORIS, via Salaria113, aula Oriana A un anno dalla sua scomparsa, l'Associazione Internazionale E. de Martino organizza a Roma un convegno per ricordare la figura, la ricerca, il pensiero di Clara Gallini, una delle maggiori antropologhe italiane. Speriamo possiate partecipare…

    Read more...

  • ONTOLOGICAL PLURALISM AND CULTURAL DIVERSITY

    ONTOLOGICAL PLURALISM AND CULTURAL DIVERSITY

    LECTIO INAUGURALISnel Corso di Laurea in Antropologia ed Etnologiatenuta dal Prof. Philippe Descolaintroduce il Prof. Roberto Beneduce 17 gennaio 2018Campus Luigi Einaudi Aula Magna16:30-19:00 Philippe Descola, già professore all'École des Hautes Etudes en Sciences Sociales e dal 2000 titolare della cattedra di Anthropologie de la Nature presso il Collège de…

    Read more...

  • Apartheid in Sudafrica e Israele: il ruolo del boicotaggio

    Apartheid in Sudafrica e Israele: il ruolo del boicotaggio

    INCONTRO CON SALIM VALLY16 GENNAIO 2018 AULA A3 CLE ore 17,30 Progetto Palestina - in collaborazione con BDS Italia e DCPS - vi invita al seminario che Salim Vally terrà il 16 gennaio 2018 in aula A3 al Campus Luigi Einaudi a partire dalle 17,30.Salim Vally è Direttore del "Centre…

    Read more...

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Articolo scritto da Ana Vidal Egea, El País - 23 gennaio 2018License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Centinaia di bambini appartenenti a famiglie di rifugiati sono vittime di una strana sindrome finora registrata solo in Svezia. Gli scienziati non hanno risposte certe per spiegare quella che è stata battezzata come Sindrome da Rassegnazione.…

    Read more...

  • Verso un mondo di esclusi

    Verso un mondo di esclusi

    Notre musique (Godard, 2004) Intervento-rielaborazione di Enrico Bartolomei della sua introduzione per il volume "Esclusi. La globalizzazione neoliberista del colonialismo di insediamento" (Derive Approdi, 2017).License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Esclusi (DeriveApprodi 2017) raccoglie una serie di saggi sul colonialismo di insediamento, una forma particolare di colonialismo in cui la popolazione indigena…

    Read more...

  • Africa, il futuro di un continente

    Africa, il futuro di un continente

    foto D.Reviati Articolo; intervista a Felwine Sarr, pubblicato sul sito "Lo Straniero" l'08/12/2016 | Dicembre 2016/ Febbraio 2017 n. 198/199/200 License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License (incontro con Livia Apa) Il 31 ottobre si sono conclusi, a Saint-Louis in Senegal, gli Ateliers de la pensée, un'iniziativa fortemente voluta e organizzata da Achille Mbembe…

    Read more...

  • La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    Articolo pubblicato su Internazionale, n.1221 del 08.09.2017 da pag. 40 a 50di Ben Taub, The New Yorker, Stati UnitiLicense: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License La tratta delle ragazze nigeriane in Italia attirate con false promesse, le ragazze di Benin City, in Nigeria, affrontano un pericoloso viaggio attraverso il deserto e il mare per finire…

    Read more...

  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...