Banner
Giornata mondiale del Rifugiato PDF Stampa E-mail

 alt

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato

l'Associazione Mosaico presenta:
DISPERSI NEL MEDITERRANEO:
L'EUROPA PUÓ E DEVE FARE DI PIÚ
PERCHÉ LE DECISIONI EUROPEE NON SONO ALL'ALTEZZA DELLA PROBLEMATICA


Introduce: BERTHIN NZONZA, Presidente dell'Associazione Mosaico - Azioni per i Rifugiati
Intervengono:
YAGOUB KIBEIDA: Punto di vista dell'ECRE – Consiglio Europeo per i Rifugiati,
MAURIZIO VEGLIO: ASGI - Associazione per gli Studi Giuridici sull'Immigrazione
PATRICK KONDE: Coalizione Internazionale dei " Sans Papier", Migranti, Rifugiati e Richiedenti Asilo
SUAD OMAR: Comitato Mano nella Mano contro il razzismo
COSA SUCCEDE DALL'ALTRA PARTE DEL MARE ?
GARNAOUI WAEL: Associazione Psychologues Solidaires, Tunisia. Progetto Generazioni Perdute, Pensare la cura in
territori di frontiera ( Associazione Frantz Fanon, Fondi 8x100 della Chiesa Valdese )
Modera: COLETTE MEFFIRE, Associazione Mosaico - Azioni per i Rifugiati


Sabato 20 Giugno, ore 9.30
Casa del Quartiere San Salvario
Via Morgari 14, Torino


BUFFET a conclusione dell'incontro.
Mosaico - Azioni per i rifugiati, nata a Torino nel 2007 per iniziativa di un gruppo di rifugiati, è un'associazione di promozione
sociale impegnata nell'informazione e sensibilizzazione dei rifugiati e della cittadinanza. Dall'inizio del 2015 Mosaico è membro
del Consiglio europeo per i Rifugiati, ECRE (www.mosaicorefugees.org).

Scarica locandina in pdf

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...

  • Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    L'occasione mancata di Igiaba ScegoLe donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce Partiamo arbitrariamente da un punto preciso della storia degli Stati Uniti d'America: è di circa due secoli l'intervallo che mi interessa ripercorrere rapidamente e che intercorre tra due artiste afroamericane…

    Read more...

  • Quanto ci riguarda "la feccia"?

    Quanto ci riguarda

    Note etnopsichiatriche sulla cultura e sui suoi sembiantidi Simona Taliani Abbiamo atteso qualche giorno, subito dopo Parigi, nel tentativo di pensare a quanto ciò che era accaduto ci riguardasse da vicino. Gli eventi ci hanno incalzato. In Nigeria, in Iraq e ora di nuovo in Mali, nella tranquilla Bamako, e…

    Read more...

  • Due parole su uno sgombero in una città possibile

    Due parole su uno sgombero in una città possibile

    La caserma La Marmora, in Via Asti, è ricordata dagli anziani come un luogo di violenze e urla: quelle dei partigiani torturati dalla Guardia Nazionale Repubblicana, istituita da Mussolini nel '43.In quella caserma sono passati negli scorsi anni i rifugiati del Corno d'Africa, sgomberati dall'ex clinica San Paolo nel 2009…

    Read more...

  • A Italo

     A Italo

    Cari amici del Naga ho conosciuto Italo Siena molti anni fa, quando ancora in pochi, in Italia, avevano compreso la posta in gioco politica ed etica del diritto alla salute degli immigrati. L'ho incontrato diverse volte, e in qualche occasione ho avuto la possibilità di dialogare e collaborare con lui.…

    Read more...