Banner
A Italo PDF Stampa E-mail

alt

Cari amici del Naga

ho conosciuto Italo Siena molti anni fa, quando ancora in pochi, in Italia, avevano compreso la posta in gioco politica ed etica del diritto alla salute degli immigrati. L'ho incontrato diverse volte, e in qualche occasione ho avuto la possibilità di dialogare e collaborare con lui. Sempre mi ha colpito la semplicità del suo gesto, la tenacia del suo impegno, la coerenza del suo progetto. Perdiamo un uomo che ha saputo lavorare con gli "ultimi", indifferente alle logiche del mercato umanitario.
Sappiamo che altri, accanto a lui, proseguiranno il suo lavoro, raccogliendo la sua ostinazione nel lavorare per un mondo migliore, dove le vittime della violenza, qualunque essa sia, possano trovare ​un rifugio e un riconoscimento.
Siamo vicini alla famiglia, ai suoi amici, ai suoi collaboratori.

Roberto Beneduce & Associazione Frantz Fanon

 

NAGA Onlus
Oggi, 11 ottobre 2015, è mancato Italo Siena, fondatore del Naga.
Abbiamo poche parole per esprimere il dolore che sentiamo e per descrivere il vuoto che lascia. Di seguito, un primo ricordo del Naga.

Ciao, Italo.
Italo Siena ci ha lasciati oggi con sommessa, silenziosa discrezione, in controtendenza rispetto alla sua vita, giocata sempre all'avanguardia, audace esploratore di nuovi sentieri, di nuove piste, nell'intrico spesso impervio e pungente della realtà sociale.

La sua visione della politica passava sempre attraverso il fuoco limpidissimo dei bisogni degli ultimi, dei senza voce, dei senza diritti: a partire da quella sera d'inverno di moltissimi anni fa in cui, alla vista di un immigrato, certamente bisognoso letteralmente di tutto, si formò nella sua mente, empatica e preveggente, il grande, audace progetto di fondare una associazione dedicata esclusivamente alle "vite di scarto", quelle "nude vite" dalle quali la "gente perbene" distoglie lo sguardo.

E così, nel 1987, fu creato il Naga, l'associazione dedicata appunto a questa platea di esseri umani carichi di bisogni ma inascoltati, in quanto invisibili. Prima di questo importante atto fondativo, in grado di modificare almeno in parte il profilo etico-morale di una città arcigna come Milano, l'accoglienza dei migranti fu organizzata per qualche tempo in modo assai creativo, aprendo lo studio medico suo e di altri colleghi altrettanto generosi e sodali, a bambini, donne, uomini migranti, spossessati perciò dall'implacabile "diritto positivo" di qualsiasi possibilità, in primis quella fondamentale, il diritto alla salute.

Poi il Naga trovò la sua sede in viale Bligny, per quelle antiche scale spesso malcerte (la lastra di ferro del primo piano che copriva i buchi e rimbombava...) sono transitate molte migliaia di "utenti"( direbbe la fredda statistica), in realtà esistenze piene, coraggiose, speranzose in un futuro migliore, che rispecchiavano esattamente lo sguardo di Italo che nella notte della politica e dei rapporti umani riusciva sempre a intravvedere una via di riscatto, una candela accesa nel buio, una estrema fiducia nell'umanità.

Poi, il suo acuto scandaglio lo portò a fondare un altro centro, il Naga-Har, filiazione del Naga, dedicato ai richiedenti asilo, ai rifugiati, alle vittime della tortura: riportati alla voce e alla vita dopo vicissitudini spesso inenarrabili.

Italo mancherà moltissimo a moltissime persone.

Grazie Italo per quello che hai profuso a piene mani, grazie anche a nome dei tanti che non hanno mai saputo e non sapranno mai quanta riconoscenza ti è dovuta (e sappiamo che di fronte a questa espressione encomiastica scuoteresti le spalle scocciato!).

Ora per te è arrivato il momento di riposare: a noi l'impegno doloroso di ricordarti e di proseguire il tuo cammino.

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Imagining Refugia: thinking outside of the refugee regime

    Imagining Refugia: thinking outside of the refugee regime

    1 Febbbraio 2018 ore 14,30 aula 3D233 CLEIMAGINING REFUGIA seminario con N. Van Hear (Oxford University) Il seminario "Imagining Refugia: thinking outside of the refugee regime" sarà tenuto dal Nicholas Van Hear che rifletterà sulle possibili alternative al corrente "refugee regime": quel regime cioè fondato sul sistema internazionale "statale" che…

    Read more...

  • Fra scuola e famiglia: I TERRITORI DELL 'INCLUSIONE. Metodologie di intervento e strategie di definizione identitaria

    Fra scuola e famiglia:  I TERRITORI DELL 'INCLUSIONE. Metodologie di intervento e strategie di definizione identitaria

    SEMINARIO CONCLUSIVO DEL PROGETTO "PAS DE DEUX. STRATEGIE DI INTERVENTO FRA SCUOLE E FAMIGLIA" (TAVOLA VALDESE Ono PER MILLE, ANNUALITÀ 2017)31 GENNAIO 2018 - 9.00/13.00 - AULA 6 - PALAZZINA EINAUDIc.so Regina Margherita, 60 - TORINO L'Associazione Frantz Fanon, in collaborazione con il Centro di Etnopsichiatria e di Antropologia delle…

    Read more...

  • Clara Gallini: il metodo e i campi di ricerca

    Clara Gallini: il metodo e i campi di ricerca

    Convegno23 gennaio 2018Università degli Studi di Roma La Sapienza, Dipartimento CORIS, via Salaria113, aula Oriana A un anno dalla sua scomparsa, l'Associazione Internazionale E. de Martino organizza a Roma un convegno per ricordare la figura, la ricerca, il pensiero di Clara Gallini, una delle maggiori antropologhe italiane. Speriamo possiate partecipare…

    Read more...

  • ONTOLOGICAL PLURALISM AND CULTURAL DIVERSITY

    ONTOLOGICAL PLURALISM AND CULTURAL DIVERSITY

    LECTIO INAUGURALISnel Corso di Laurea in Antropologia ed Etnologiatenuta dal Prof. Philippe Descolaintroduce il Prof. Roberto Beneduce 17 gennaio 2018Campus Luigi Einaudi Aula Magna16:30-19:00 Philippe Descola, già professore all'École des Hautes Etudes en Sciences Sociales e dal 2000 titolare della cattedra di Anthropologie de la Nature presso il Collège de…

    Read more...

  • Apartheid in Sudafrica e Israele: il ruolo del boicotaggio

    Apartheid in Sudafrica e Israele: il ruolo del boicotaggio

    INCONTRO CON SALIM VALLY16 GENNAIO 2018 AULA A3 CLE ore 17,30 Progetto Palestina - in collaborazione con BDS Italia e DCPS - vi invita al seminario che Salim Vally terrà il 16 gennaio 2018 in aula A3 al Campus Luigi Einaudi a partire dalle 17,30.Salim Vally è Direttore del "Centre…

    Read more...

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Articolo scritto da Ana Vidal Egea, El País - 23 gennaio 2018License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Centinaia di bambini appartenenti a famiglie di rifugiati sono vittime di una strana sindrome finora registrata solo in Svezia. Gli scienziati non hanno risposte certe per spiegare quella che è stata battezzata come Sindrome da Rassegnazione.…

    Read more...

  • Verso un mondo di esclusi

    Verso un mondo di esclusi

    Notre musique (Godard, 2004) Intervento-rielaborazione di Enrico Bartolomei della sua introduzione per il volume "Esclusi. La globalizzazione neoliberista del colonialismo di insediamento" (Derive Approdi, 2017).License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Esclusi (DeriveApprodi 2017) raccoglie una serie di saggi sul colonialismo di insediamento, una forma particolare di colonialismo in cui la popolazione indigena…

    Read more...

  • Africa, il futuro di un continente

    Africa, il futuro di un continente

    foto D.Reviati Articolo; intervista a Felwine Sarr, pubblicato sul sito "Lo Straniero" l'08/12/2016 | Dicembre 2016/ Febbraio 2017 n. 198/199/200 License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License (incontro con Livia Apa) Il 31 ottobre si sono conclusi, a Saint-Louis in Senegal, gli Ateliers de la pensée, un'iniziativa fortemente voluta e organizzata da Achille Mbembe…

    Read more...

  • La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    Articolo pubblicato su Internazionale, n.1221 del 08.09.2017 da pag. 40 a 50di Ben Taub, The New Yorker, Stati UnitiLicense: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License La tratta delle ragazze nigeriane in Italia attirate con false promesse, le ragazze di Benin City, in Nigeria, affrontano un pericoloso viaggio attraverso il deserto e il mare per finire…

    Read more...

  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...