Banner
From Nigeria with love PDF Stampa E-mail

alt

Martedì 27 ottobre ore 17,30 al CLE

"Agli italiani piacciono gli africani?" ho chiesto
"Odiano i nigeriani più di chiunque altro". La cosa non mi stupiva. Abbiamo un talento speciale per entrare nel libro nero della gente di tutto il mondo. Siamo più casinisti, più sfrontati e ci facciamo notare più degli altri, che al confronto sembrano miti e timidi.
(Noo Saro-Wiwa, In cerca di Transwonderland, p. 115)

All'interno delle iniziative promosse da OttobreAfricano, e in collaborazione con il Dipartimento di Culture, Politica e Società dell'Università di Torino, siamo felici di invitarvi all'incontro che si terrà martedì 27 ottobre in aula D5 al Campus Luigi Einaudi con la scrittrice nigeriana Noo Saro-Wiwa. Con lei, parleremo del suo viaggio di ritorno verso città attraversate nell'infanzia, insieme alla sua famiglia; immaginate e temute poi negli anni della migrazione a Londra (quando i padri minacciavano i figli di rimandarli "a casa": il peggior incubo dei bambini della diaspora); città oggi trasformate dalla incessante e sempre "mobile" modernità che avanza: Lagos, Ibadan, Abuja, Kano, Jos, Calabar, Benin, Port Harcourt ... in cerca di una riconciliazione possibile.

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...

  • Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    L'occasione mancata di Igiaba ScegoLe donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce Partiamo arbitrariamente da un punto preciso della storia degli Stati Uniti d'America: è di circa due secoli l'intervallo che mi interessa ripercorrere rapidamente e che intercorre tra due artiste afroamericane…

    Read more...

  • Quanto ci riguarda "la feccia"?

    Quanto ci riguarda

    Note etnopsichiatriche sulla cultura e sui suoi sembiantidi Simona Taliani Abbiamo atteso qualche giorno, subito dopo Parigi, nel tentativo di pensare a quanto ciò che era accaduto ci riguardasse da vicino. Gli eventi ci hanno incalzato. In Nigeria, in Iraq e ora di nuovo in Mali, nella tranquilla Bamako, e…

    Read more...

  • Due parole su uno sgombero in una città possibile

    Due parole su uno sgombero in una città possibile

    La caserma La Marmora, in Via Asti, è ricordata dagli anziani come un luogo di violenze e urla: quelle dei partigiani torturati dalla Guardia Nazionale Repubblicana, istituita da Mussolini nel '43.In quella caserma sono passati negli scorsi anni i rifugiati del Corno d'Africa, sgomberati dall'ex clinica San Paolo nel 2009…

    Read more...

  • A Italo

     A Italo

    Cari amici del Naga ho conosciuto Italo Siena molti anni fa, quando ancora in pochi, in Italia, avevano compreso la posta in gioco politica ed etica del diritto alla salute degli immigrati. L'ho incontrato diverse volte, e in qualche occasione ho avuto la possibilità di dialogare e collaborare con lui.…

    Read more...