Banner
Cena di Solidarietà con le famiglie dei desaparecidos tunisini nel Mediterraneo PDF Stampa E-mail

alt

Ed eccoci nel 2016...

Per preparare la seconda Carovana italiana per i diritti dei migranti, per la dignità e la giustizia che attraverserà l'Italia dal 2 al 17 aprile, il primo di una serie di appuntamenti.

Nei mesi precedenti le primavere arabe molti ragazzi tunisini sono fuggiti dal loro paese per evitare una morte sicura. Sono saliti su una barca ed hanno cercato di raggiungere l'Italia, la libertà, la speranza. Molti di loro ci sono arrivati, così sostengono oltre cinquecento famiglie, per poi sparire nei giorni successivi. In molti hanno cercato di far luce su quanto accaduto combattendo contro un muro di silenzio e disinteresse; il risultato è che ad oggi centinaia di famiglie non sanno dove sono i loro figli e i governi italiano e tunisino ben si guardano da dar loro una risposta.
Con Milano, Roma, Palermo e Catania abbiamo marciato molti giovedì, rinnovando il conosciuto rito delle Madres de Plaza de Mayo per ricordare questi ragazzi, i nuovi desaparecidos nel Mediterraneo. Ora abbiamo con noi Imed Soltani, presidente dell'associazione Terre pour tous che raccoglie i famigliari dei desaparecidos tunisini.

Imed ci racconterà del perché è venuto in Italia, di cosa chiederà all'incaricato del Governo italiano per le persone scomparse quando nella prossima settimana lo incontrerà a Roma.

Vi invitiamo domenica 10 gennaio al Caffè Basaglia, dove dalle ore 18.30 incontreremo Imed Soltani.

Mangeremo insieme un caldo piatto di pasta e fagioli per raccogliere fondi per l'Associazione tunisina Terre pour Tous.
Il Caffè Basaglia, come ben saprete, è in Via Mantova 34; sarebbe utile sapere quanti di voi verranno a cena.
Per questo potrete scrivere una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o telefonare nelle sere precedenti direttamente al Caffè.
al 011.2474150

Scarica pdf

 

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...

  • Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    L'occasione mancata di Igiaba ScegoLe donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce Partiamo arbitrariamente da un punto preciso della storia degli Stati Uniti d'America: è di circa due secoli l'intervallo che mi interessa ripercorrere rapidamente e che intercorre tra due artiste afroamericane…

    Read more...

  • Quanto ci riguarda "la feccia"?

    Quanto ci riguarda

    Note etnopsichiatriche sulla cultura e sui suoi sembiantidi Simona Taliani Abbiamo atteso qualche giorno, subito dopo Parigi, nel tentativo di pensare a quanto ciò che era accaduto ci riguardasse da vicino. Gli eventi ci hanno incalzato. In Nigeria, in Iraq e ora di nuovo in Mali, nella tranquilla Bamako, e…

    Read more...

  • Due parole su uno sgombero in una città possibile

    Due parole su uno sgombero in una città possibile

    La caserma La Marmora, in Via Asti, è ricordata dagli anziani come un luogo di violenze e urla: quelle dei partigiani torturati dalla Guardia Nazionale Repubblicana, istituita da Mussolini nel '43.In quella caserma sono passati negli scorsi anni i rifugiati del Corno d'Africa, sgomberati dall'ex clinica San Paolo nel 2009…

    Read more...

  • A Italo

     A Italo

    Cari amici del Naga ho conosciuto Italo Siena molti anni fa, quando ancora in pochi, in Italia, avevano compreso la posta in gioco politica ed etica del diritto alla salute degli immigrati. L'ho incontrato diverse volte, e in qualche occasione ho avuto la possibilità di dialogare e collaborare con lui.…

    Read more...