Banner
Nel giorno della Nakba, BDS Italia lancia la campagna di boicottaggio contro Hewlett Packard - HP PDF Stampa E-mail
Nel giorno della Nakba
Riceviamo e volentieri accogliamo il seguente comunicato:

Comunicato
Nel giorno della Nakba diciamo no ad HP, la tecnologia dell'oppressione israeliana
BDS Italia lancia la campagna di boicottaggio contro Hewlett Packard - HP
 
Il 15 maggio 1948 si compiva la Nakba (Catastrofe) ad opera del nascente stato di Israele che si impossessò delle terre, delle case, delle vite del popolo palestinese, mettendo in atto un piano di pulizia etnica che causò l'espulsione dalla loro terra e l'esilio di oltre 750.000 palestinesi, la distruzione di oltre 500 dei loro villaggi, la deportazione in campi di prigionia e l'imposizione del regime militare per i palestinesi rimasti all'interno del nuovo stato ebraico.
Da allora i palestinesi sono stati trasformati in un popolo senza terra e senza diritti.
A 68 anni da quella data, nel giorno della NakbaBDS Italia lancia una campagna di boicottaggio contro Hewlett Packard che collabora alla tecnologia dell'oppressione israeliana. Con contratti per centinaia di milioni di euro, HP trae profitto dalle politiche di Israele che fanno sì che la Nakba non sia mai terminata attraverso la fornitura e manutenzione di:
Tecnologie per l'infrastruttura informatica delle Forze armate israeliane che opprimono e bombardano la popolazione palestinese.
Un sistema d'identificazione biometrica nei checkpoint per impedire la libera circolazione dei palestinesi.
Sistemi che facilitano la discriminazione razziale contro i non-ebrei e il controllo della popolazione nei Territori Occupati.
Servizi e attrezzature alle carceri israeliane dove sono detenuti, in violazione del diritto internazionale, i prigionieri politici palestinesi, tra cui minori e bambini sottoposti a trattamenti inumani, crudeli e degradanti.
Servizi e attività nelle colonie illegali della Cisgiordania.
Non essere complice della violazione dei diritti dei palestinesi
FIRMA l'impegno a non comprare prodotti Hewlett Packard (quali stampanti, computer, inchiostro e accessori) e a non avvalerti dei suoi servizi informatici fino a quando HP non porrà fine alla sua complicità con l'occupazione israeliana e con l’oppressione dei palestinesi. 
Campagna #IoNonComproHP: http://bdsitalia.org/hp
Impegno da firmare: http://chn.ge/1snxew9
Sei azioni per sostenere la campagna: http://bdsitalia.org/index.php/campagne/hp/2039-hp-6azioni
Video: https://www.youtube.com/watch?v=Ug7qROzuSVU
Unisciti alla campagna: Sei azioni per dire #IoNonComproHP
Per maggiori informazioni su come sostenere la campagna, scrivi a  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...

  • Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    L'occasione mancata di Igiaba ScegoLe donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce Partiamo arbitrariamente da un punto preciso della storia degli Stati Uniti d'America: è di circa due secoli l'intervallo che mi interessa ripercorrere rapidamente e che intercorre tra due artiste afroamericane…

    Read more...

  • Quanto ci riguarda "la feccia"?

    Quanto ci riguarda

    Note etnopsichiatriche sulla cultura e sui suoi sembiantidi Simona Taliani Abbiamo atteso qualche giorno, subito dopo Parigi, nel tentativo di pensare a quanto ciò che era accaduto ci riguardasse da vicino. Gli eventi ci hanno incalzato. In Nigeria, in Iraq e ora di nuovo in Mali, nella tranquilla Bamako, e…

    Read more...

  • Due parole su uno sgombero in una città possibile

    Due parole su uno sgombero in una città possibile

    La caserma La Marmora, in Via Asti, è ricordata dagli anziani come un luogo di violenze e urla: quelle dei partigiani torturati dalla Guardia Nazionale Repubblicana, istituita da Mussolini nel '43.In quella caserma sono passati negli scorsi anni i rifugiati del Corno d'Africa, sgomberati dall'ex clinica San Paolo nel 2009…

    Read more...

  • A Italo

     A Italo

    Cari amici del Naga ho conosciuto Italo Siena molti anni fa, quando ancora in pochi, in Italia, avevano compreso la posta in gioco politica ed etica del diritto alla salute degli immigrati. L'ho incontrato diverse volte, e in qualche occasione ho avuto la possibilità di dialogare e collaborare con lui.…

    Read more...