Banner
Seminari di etnopsichiatria PDF Stampa E-mail

alt

Negli ultimi anni il campo etnopsichiatrico si è andato notevolmente sviluppando e i suoi concetti chiave - "efficacia simbolica", "memorie incorporate", "lutto culturale", "destorificazione istituzionale", "competenza culturale" - hanno promosso originali ambiti di ricerca e di dialogo, sebbene siano stati spesso oggetto di malintesi, banalizzazioni o abusi. Più in generale, le sue pratiche hanno conosciuto violente controversie là dove il patrimonio di ricerche accumulato nel corso degli studi condotti in società non occidentali sulle psicoterapie tradizionali, gli immaginari religiosi, i culti di possessione, le farmacopee locali è stato applicato, a partire dagli anni '60 e ancor più dalla fine degli anni '80, ai contesti migratori.
Un'autentica fibrillazione epistemologica si è allora prodotta per il convergere del rinnovamento metodologico dell'antropologia e dei suoi modelli teorici da un lato (la crisi delle nozioni di etnicità, di identità, di cultura), della clinica psichiatrica e della psicoterapia dall'altro (il dibattito sul trauma e il PTSD, la critica sulla proliferazione diagnostico-farmacologica e le derive del DSM- 5, la frammentazione degli ambiti della cura con il suo prevedibile corteo di esperti del trauma, dei disturbi alimentari, dei disturbi da dipendenza...).
L'etnopsichiatria della migrazione si situa di fatto lungo una duplice cerniera: epistemologica (interna ed esterna alle discipline che la costituiscono) e politica (i nodi della migrazione e della cittadinanza, i diritti dei richiedenti asilo, lo spettro della violenza di Stato). Consapevole della sua genealogia storica, concepita come etnopsichiatria "critica" e non come mera declinazione di mal poste domande sul rapporto fra malattia mentale, cura e cultura, essa milita per una riflessione incessante sui modelli e i presupposti che l'hanno ispirata. L'etnopsichiatria è anche il riflesso particolare delle incertezze e dei mutamenti delle società contemporanee, del dibattito inesausto su nozioni come Soggettività, Potere, Alterità, Riconoscimento, e insieme interroga - da una posizione privilegiata - gli enigmi della sofferenza e della cura, dell'identità e della differenza, della cultura e dello psichismo.
L'Associazione Frantz Fanon prosegue la sua riflessione su questi temi e promuove in particolare due seminari della durata di un weekend volti a ripercorrere le radici storiche ed epistemologiche dell'etnopsichiatria e a ripensare le sue applicazioni oggi nell'incontro con l'Altro nei luoghi della cura e dell'accoglienza.

Scarica locandina del primo seminario: 27-28 gennaio 2018 "Un'introduzione all'Etnopsichiatria: cenni storici, aspetti epistemologici e controversie"
Scarica locandina del secondo seminario: 17-18 marzo 2018 "Etnopsichiatria in azione. Ripensare l'incontro con l'altro nei luoghi della cura"
Scarica locandina dei seminari

E' necessario iscriversi, lo si può fare inviando una email all'indirizzo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (oggetto: iscrizione). Nella risposta verrà inviato il form di iscrizione e le informazioni necessarie. Termine di iscrizione  per il primo seminario è il 10 gennaio, per il secondo 1 marzo. 

Il seminario del 27-28 Gennaio si terrà presso l'Unione Culturale Franco Antonicelli (via Cesara Battisti 4b, Torino)

Il seminario del 17-18 Marzo si terrà presso il Centro Studi Sereno Regis (Via Garibaldi 13, Torino)

 

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Seminari di etnopsichiatria

    Seminari di etnopsichiatria

    Negli ultimi anni il campo etnopsichiatrico si è andato notevolmente sviluppando e i suoi concetti chiave - "efficacia simbolica", "memorie incorporate", "lutto culturale", "destorificazione istituzionale", "competenza culturale" - hanno promosso originali ambiti di ricerca e di dialogo, sebbene siano stati spesso oggetto di malintesi, banalizzazioni o abusi. Più in generale,…

    Read more...

  • Cultural safety & cultural camouflage

    Cultural safety & cultural camouflage

    Seminariocon Jaswant GUZDERModera Roberto BENEDUCE 20 NOVEMBRE 201717 .00-19.30 - Aula 3D440CAMPUSLUIGI EINAUDILungo Dora Siena 100/aTORINO L'inquadramento culturale (cultura/ formulation) fornisce un'utile struttura per l'assessment clinico nel lavoro con i rifugiati e gli immigrati, durante la formulazione delle possibili cornici d'intervento terapeutico. L'ibridazione e la creolizzazione a livello dell'identità e delle…

    Read more...

  • Trauma e diritti umani: strategie per l’ascolto e la cura delle vittime di violenza

    Trauma e diritti umani: strategie per l’ascolto e la cura delle vittime di violenza

    Convegno13 e 14 novembre 2017Orario: 13:30presso il Campus Luigi EinaudiLungo Dora Siena 100/A, a Torino L'Associazione Gruppo Abele con il CPS dell'Università degli Studi di Torino (Dipartimento di Culture, Politica e Società) e il Cretam dell'Università degli Studi di Torino (Centro Ricerche in Etnopsichiatria e Antropologia delle Migrazioni) promuovono Trauma…

    Read more...

  • Accueil et accompagnement de migrants en Europe

    Accueil et accompagnement de migrants en Europe

    Seminario16 ottobre – 20 ottobreDal 16 ottobre alle 9:00 al 20 ottobre alle 16:00Ifrass, 2 bis rue Emile Pelletier, 31100 Tolosa En ces temps dits de « crise des migrants », « crise des réfugiés »... nous nous proposons, pour la prochaine semaine modulaire « Travail social en Europe et à l'International…

    Read more...

  • Israele, i palestinesi e la pacificazione globale

    Israele, i palestinesi e la pacificazione globale

     Jeff Halper presenta il suo libroLunedì 16 ottobre 2017Campus Luigi EinaudiCorso Lungo Dora Siena 100 AAula Magna17h00-20h00Discutono insieme all'autore Rosita Di Peri (Università di Torino), Stefano Saluzzo (Università di Torino), Simona Taliani (Università di Torino)Traduce dall'inglese Giovanna Garrone Come può Israele sostenere mezzo secolo di occupazione sui palestinesi? Questa è la…

    Read more...

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    Articolo pubblicato su Internazionale, n.1221 del 08.09.2017 da pag. 40 a 50di Ben Taub, The New Yorker, Stati UnitiLicense: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License La tratta delle ragazze nigeriane in Italia attirate con false promesse, le ragazze di Benin City, in Nigeria, affrontano un pericoloso viaggio attraverso il deserto e il mare per finire…

    Read more...

  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...

  • Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    Le donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce - Riflessioni a caldo

    L'occasione mancata di Igiaba ScegoLe donne italoafricane, il corpo (nero) e lo sguardo a partire dal quale ci si riconosce Partiamo arbitrariamente da un punto preciso della storia degli Stati Uniti d'America: è di circa due secoli l'intervallo che mi interessa ripercorrere rapidamente e che intercorre tra due artiste afroamericane…

    Read more...

  • Quanto ci riguarda "la feccia"?

    Quanto ci riguarda

    Note etnopsichiatriche sulla cultura e sui suoi sembiantidi Simona Taliani Abbiamo atteso qualche giorno, subito dopo Parigi, nel tentativo di pensare a quanto ciò che era accaduto ci riguardasse da vicino. Gli eventi ci hanno incalzato. In Nigeria, in Iraq e ora di nuovo in Mali, nella tranquilla Bamako, e…

    Read more...

  • Due parole su uno sgombero in una città possibile

    Due parole su uno sgombero in una città possibile

    La caserma La Marmora, in Via Asti, è ricordata dagli anziani come un luogo di violenze e urla: quelle dei partigiani torturati dalla Guardia Nazionale Repubblicana, istituita da Mussolini nel '43.In quella caserma sono passati negli scorsi anni i rifugiati del Corno d'Africa, sgomberati dall'ex clinica San Paolo nel 2009…

    Read more...