Banner
Seminari di etnopsichiatria PDF Stampa E-mail

alt

Negli ultimi anni il campo etnopsichiatrico si è andato notevolmente sviluppando e i suoi concetti chiave - "efficacia simbolica", "memorie incorporate", "lutto culturale", "destorificazione istituzionale", "competenza culturale" - hanno promosso originali ambiti di ricerca e di dialogo, sebbene siano stati spesso oggetto di malintesi, banalizzazioni o abusi. Più in generale, le sue pratiche hanno conosciuto violente controversie là dove il patrimonio di ricerche accumulato nel corso degli studi condotti in società non occidentali sulle psicoterapie tradizionali, gli immaginari religiosi, i culti di possessione, le farmacopee locali è stato applicato, a partire dagli anni '60 e ancor più dalla fine degli anni '80, ai contesti migratori.
Un'autentica fibrillazione epistemologica si è allora prodotta per il convergere del rinnovamento metodologico dell'antropologia e dei suoi modelli teorici da un lato (la crisi delle nozioni di etnicità, di identità, di cultura), della clinica psichiatrica e della psicoterapia dall'altro (il dibattito sul trauma e il PTSD, la critica sulla proliferazione diagnostico-farmacologica e le derive del DSM- 5, la frammentazione degli ambiti della cura con il suo prevedibile corteo di esperti del trauma, dei disturbi alimentari, dei disturbi da dipendenza...).
L'etnopsichiatria della migrazione si situa di fatto lungo una duplice cerniera: epistemologica (interna ed esterna alle discipline che la costituiscono) e politica (i nodi della migrazione e della cittadinanza, i diritti dei richiedenti asilo, lo spettro della violenza di Stato). Consapevole della sua genealogia storica, concepita come etnopsichiatria "critica" e non come mera declinazione di mal poste domande sul rapporto fra malattia mentale, cura e cultura, essa milita per una riflessione incessante sui modelli e i presupposti che l'hanno ispirata. L'etnopsichiatria è anche il riflesso particolare delle incertezze e dei mutamenti delle società contemporanee, del dibattito inesausto su nozioni come Soggettività, Potere, Alterità, Riconoscimento, e insieme interroga - da una posizione privilegiata - gli enigmi della sofferenza e della cura, dell'identità e della differenza, della cultura e dello psichismo.
L'Associazione Frantz Fanon prosegue la sua riflessione su questi temi e promuove in particolare due seminari della durata di un weekend volti a ripercorrere le radici storiche ed epistemologiche dell'etnopsichiatria e a ripensare le sue applicazioni oggi nell'incontro con l'Altro nei luoghi della cura e dell'accoglienza.

Scarica locandina del primo seminario: 27-28 gennaio 2018 "Un'introduzione all'Etnopsichiatria: cenni storici, aspetti epistemologici e controversie"
Scarica locandina del secondo seminario: 17-18 marzo 2018 "Etnopsichiatria in azione. Ripensare l'incontro con l'altro nei luoghi della cura"
Scarica locandina dei seminari

E' necessario iscriversi, lo si può fare inviando una email all'indirizzo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (oggetto: iscrizione). Nella risposta verrà inviato il form di iscrizione e le informazioni necessarie. Termine di iscrizione  per il primo seminario è il 10 gennaio, per il secondo 1 marzo. 

Il seminario del 27-28 Gennaio si terrà presso l'Unione Culturale Franco Antonicelli (via Cesara Battisti 4b, Torino)

Il seminario del 17-18 Marzo si terrà presso il Centro Studi Sereno Regis (Via Garibaldi 13, Torino)

 

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Articolo scritto da Ana Vidal Egea, El País - 23 gennaio 2018License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Centinaia di bambini appartenenti a famiglie di rifugiati sono vittime di una strana sindrome finora registrata solo in Svezia. Gli scienziati non hanno risposte certe per spiegare quella che è stata battezzata come Sindrome da Rassegnazione.…

    Read more...

  • Verso un mondo di esclusi

    Verso un mondo di esclusi

    Notre musique (Godard, 2004) Intervento-rielaborazione di Enrico Bartolomei della sua introduzione per il volume "Esclusi. La globalizzazione neoliberista del colonialismo di insediamento" (Derive Approdi, 2017).License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Esclusi (DeriveApprodi 2017) raccoglie una serie di saggi sul colonialismo di insediamento, una forma particolare di colonialismo in cui la popolazione indigena…

    Read more...

  • Africa, il futuro di un continente

    Africa, il futuro di un continente

    foto D.Reviati Articolo; intervista a Felwine Sarr, pubblicato sul sito "Lo Straniero" l'08/12/2016 | Dicembre 2016/ Febbraio 2017 n. 198/199/200 License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License (incontro con Livia Apa) Il 31 ottobre si sono conclusi, a Saint-Louis in Senegal, gli Ateliers de la pensée, un'iniziativa fortemente voluta e organizzata da Achille Mbembe…

    Read more...

  • La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    La tratta delle ragazze nigeriane in Italia

    Articolo pubblicato su Internazionale, n.1221 del 08.09.2017 da pag. 40 a 50di Ben Taub, The New Yorker, Stati UnitiLicense: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License La tratta delle ragazze nigeriane in Italia attirate con false promesse, le ragazze di Benin City, in Nigeria, affrontano un pericoloso viaggio attraverso il deserto e il mare per finire…

    Read more...

  • Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Ttip, la posizione negoziale segreta americana svelata da Greenpeace

    Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo…

    Read more...