Banner
Israele, i palestinesi e la pacificazione globale PDF Stampa E-mail

 alt
Jeff Halper presenta il suo libro
Lunedì 16 ottobre 2017
Campus Luigi Einaudi
Corso Lungo Dora Siena 100 A
Aula Magna
17h00-20h00
Discutono insieme all'autore Rosita Di Peri (Università di Torino), Stefano Saluzzo (Università di Torino), Simona Taliani (Università di Torino)
Traduce dall'inglese Giovanna Garrone

Come può Israele sostenere mezzo secolo di occupazione sui palestinesi? Questa è la prima domanda del saggio, seguita da altre altrettanto urticanti. Negli anni sono state proposte numerose spiegazioni all'egemonia israeliana, tutte comunque riconducibili a quella che Halper definisce l'industria della pacificazione globale. I sistemi globali di controllo trovano infatti un supporto decisivo nella produzione e nell'impiego di nuove armi, sviluppate in laboratori all'avanguardia grazie a finanziamenti miliardari pubblici e privati. La fusione di genetica, nanotecnologia e robotica ha creato nano guerrieri letali, autoreplicanti e dotati di un'avanzata intelligenza artificiale: è un settore leader della ricerca militare, ma l'opinione pubblica, attivisti e pacifisti compresi, ne conosce tutte le implicazioni?

Dalla quarta di copertina:
"La guerra tra il popolo è una guerra contro il popolo e dobbiamo utilizzare questa consapevolezza per mobilitarci contro la pacificazione e il sistema mondo da essa supportato. Dopo tutto, chi vuole essere pacificato?" L'accurata analisi di Halper svela la natura profonda della politica israeliana in tema di sicurezza interna e come questa sia diventata un modello di riferimento per le altre nazioni egemoni.

L'autore:
Jeff Halper, israelo-statunitense, è professore di Antropologia e coordinatore dell'ICAHD (Israeli Committee Against House Demolitions). Vive in Israele dal 1973. Le sue ricerche accademiche si sono concentrate sulla cultura e sulla storia contemporanea di Gerusalemme, il conflitto medio-orientale e i metodi di pacificazione capitalista della periferia globale. Inoltre ha svolto ricerche presso la comunità ebraica in Etiopia e, successivamente, è diventato chairman nel comitato israeliano degli ebrei-etiopi. Per oltre un decennio ha diretto il Middle East Center of Friends World College. Ha insegnato in Israele, Stati Uniti, America Latina e Africa; è autore di numerosi saggi, tra cui Between Redemption and Revival: The Jewish Yishuv in Jerusalem in the Nineteenth Century, Obstacles to Peace, An Israeli in Palestine: Resisting Dispossession, ecolonizing Zionism. Nel 2006 è stato candidato al Premio Nobel per la Pace dall'American Friends Service Committee.

Scarica locandina in pdf

 

 
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
  • La briccona divina

    La briccona divina

    In memoria di un'amica e compagna di tante avventure, feroci lotte e qualche importante battaglia vinta Non penso si sia mai declinata al femminile l'espressione del trickster, di quel briccone divino di cui Manuela Tartari si era occupata a lungo nella sua vita di pensatrice tra i saperi, esploratrice acuta…

    Read more...

  • Considerazioni di Roberto Beneduce sui fatti di Torino, e una nota di precisazione inviata ai giornalisti de La Stampa

    Considerazioni di Roberto Beneduce sui fatti di Torino, e una nota di precisazione inviata ai giornalisti de La Stampa

      Testo inviato a La Stampa il 1.4.2019: Said Machaouat, 27 anni. Il nome del reo confesso dell'omicidio di un giovane solo di qualche anno più grande di lui, Stefano Leo, parla di una traiettoria tragica quanto cupa: una famiglia immigrata, la morte del padre, il ritorno della madre nel paese d'origine,…

    Read more...

  • Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Il misterioso stato di coma dei bambini in Svezia

    Articolo scritto da Ana Vidal Egea, El País - 23 gennaio 2018License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Centinaia di bambini appartenenti a famiglie di rifugiati sono vittime di una strana sindrome finora registrata solo in Svezia. Gli scienziati non hanno risposte certe per spiegare quella che è stata battezzata come Sindrome da Rassegnazione.…

    Read more...

  • Verso un mondo di esclusi

    Verso un mondo di esclusi

    Notre musique (Godard, 2004) Intervento-rielaborazione di Enrico Bartolomei della sua introduzione per il volume "Esclusi. La globalizzazione neoliberista del colonialismo di insediamento" (Derive Approdi, 2017).License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License Esclusi (DeriveApprodi 2017) raccoglie una serie di saggi sul colonialismo di insediamento, una forma particolare di colonialismo in cui la popolazione indigena…

    Read more...

  • Africa, il futuro di un continente

    Africa, il futuro di un continente

    foto D.Reviati Articolo; intervista a Felwine Sarr, pubblicato sul sito "Lo Straniero" l'08/12/2016 | Dicembre 2016/ Febbraio 2017 n. 198/199/200 License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License (incontro con Livia Apa) Il 31 ottobre si sono conclusi, a Saint-Louis in Senegal, gli Ateliers de la pensée, un'iniziativa fortemente voluta e organizzata da Achille Mbembe…

    Read more...